Sfera Ebbasta indagato a Pescara per “istigazione all’uso di droga”

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 gennaio 2019 13:55 | Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2019 13:58
Sfera Ebbasta indagato a Pescara per "istigazione all'uso di droga"

Sfera Ebbasta indagato a Pescara per “istigazione all’uso di droga”

PESCARA – Il cantate trap Sfera Ebbasta è indagato dalla Procura di Pescara per istigazione all’uso di sostanze stupefacenti. Il fascicolo, secondo quanto riporta il quotidiano Il Centro, è stato aperto dopo l’esposto presentato da due senatori di Forza Italia, Lucio Malan e Massimo Mallegni.

I due parlamentari hanno depositato la denuncia alla Procura pescarese in quanto il capoluogo adriatico è stato tappa del tour del cantante. Nel mirino sono finiti i testi delle sue canzoni, pieni di riferimenti all’uso e allo spaccio di droga. L’esposto probabilmente sarà presentato anche nelle altre città italiane dove il cantante trap si è esibito. 

Il nome di Sfera Ebbasta è tristemente legato alla strage della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, dove era atteso la notte tra il 7 e l’8 dicembre. Nella calca che si generò per l’uso di uno spray urticante persero la vita 6 persone, cinque giovani tra i 14 e i 16 anni, e una madre che accompagnava la figlia.

I due senatori azzurri hanno fatto appello all’articolo 82 della legge 309/1990 sulla droga che “punisce chiunque pubblicamente istiga all’uso illecito di sostanze stupefacenti o faccia attività di proselitismo per tale uso ovvero induce una persona all’uso medesimo”.

Secondo Malan e Mallegni, i testi delle canzoni di Sfera “si riferiscono pressoché tutti all’uso di droghe e spesso al loro spaccio, senza mai accennare alla negatività di tali pratiche, anzi prospettando tale stile di vita come simbolo di successo”.

“Poco importa se Gionata Boschetti (Sfera Ebbasta ndr) fa o no uso di droga: il personaggio che appare pubblicamente propone il consumo di droga sotto varie forme, e peraltro anche la guida sotto l’effetto di alcoolici e stupefacenti come modello positivo – continuano Malan e Mallegni – Nel suo seguitissimo profilo Instagram, in una foto su quattro lo si vede con una sigaretta “artigianale” in mano sempre accesa, tranne in una dove la sta preparando. In altre due immagini, accanto a lui ci sono grossi contenitori pieni di foglie che o sono di cannabis o alludono ad esse, in altre due ha in mano una bibita violetta, che allude al “purple drink” alla codeina che, secondo un articolo citato anche da Wikipedia, proprio lui ha reso celebre in Italia”.