Simon Gautier trovato morto in Cilento. L’ultima chiamata al 118: “Ho le gambe rotte”

di alberto francavilla
Pubblicato il 18 Agosto 2019 20:46 | Ultimo aggiornamento: 18 Agosto 2019 20:46
Simon Gautier, turista francese trovato morto in Cilento. L'ultima chiamata al 118: "Ho le gambe rotte"

Simon Gautier in una foto Ansa

ROMA – Alla fine è stato trovato morto in un burrone Simon Gautier, il giovane escursionista francese disperso nei giorni scorsi nel Cilento. Il corpo dell’escursionista è stato individuato dagli uomini del soccorso alpino in una zona di Belvedere di Ciolandrea, nel comune di san Giovanni a Piro, in provincia di Salerno.

Le ricerche del turista francese Simon Gautier, disperso per nove giorni nelle zone collinari del Golfo di Policastro, sono scattate in seguito alla telefonata che egli stesso ha effettuato al 118 la mattina di venerdì 9 agosto, intorno alle nove. Ecco la trascrizione.

Operatore 118: “Pronto 118 della Basilicata, con chi parlo e da dove ci chiama”.

Simon: “Non so, mi potete aiutare. Sono caduto, ho due gambe rotte”.

118: “Da quale città chiamate?”.

Simon: “Non so dove mi trovo, mi potete localizzare”.

118: “Non vi possiamo localizzare, siete in casa, per strada, da solo?”.

Simon: “In realtà sono in campeggio, o meglio sto camminando da solo”.

118: “Da dove è partito, lei come si chiama?”.

Simon: “Sono Simon Gautier, sono francese”.

118: “Lei è caduto in una scarpata o in pianura?”.

Simon: “No, in scarpata, mi potete aiutare?”.

118: “Mi sa dire la zona, Basilicata o in Campania”.

Simon: “Sono partito questa mattina da Policastro verso Napoli”.

118: “Quindi da Policastro verso Napoli, ma su che strada?”.

Simon: “All’inizio c’era un sentiero poi l’ho perso”.

118: “Ora provo con i carabinieri a localizzare il cellulare. Tenga libero il suo cellulare. Va bene”.

Simon: “Si,si”.

Si conclude così la conversazione tra l’operatore del 118 e Simon. Da quel momento non c’è stato più alcun contatto con il turista francese fino al ritrovamento del cadavere. (Fonte Ansa).