Siracusa: ucciso perchè rubava della cicoria

Pubblicato il 5 Novembre 2009 11:32 | Ultimo aggiornamento: 5 Novembre 2009 11:32

Era sembrato un incidente, ma le indagini dei carabinieri hanno scoperto che si trattava invece di un omicidio. Per la morte di Giuseppe Calleri, 82 anni, è stata ora fermata una donna, Maria Caligiore, proprietaria del terreno nelle campagne di Palazzolo Acreide (Siracusa), dove l’anziano era stato trovato cadavere il 6 febbraio del 2008.

Il corpo presentava una frattura cranica e le gambe erano state parzialmente sbranate da cani. Inizialmente era perciò sembrato che l’uomo, per sfuggire a un branco di cani allevati dalla Caligiore, fosse caduto e si fosse spaccato la testa battendo su alcune pietre.

La donna, dopo essere stata fermata dai carabinieri, ha ora confessato davanti al pubblico ministero di essere stata lei a colpire Calleri alla nuca più volte con una pietra, furiosa per averlo sorpreso mentre raccoglieva cicoria selvatica nel suo podere.