--

Coronavirus, Trump: “Pandemia fino a luglio, rischio recessione”. E Wall Street sprofonda

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Marzo 2020 22:51 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2020 10:04
Coronavirus, Trump: "Pandemia fino a luglio, rischio recessione". E Wall Street sprofonda

Coronavirus, Trump: “Pandemia fino a luglio, rischio recessione”. E Wall Street sprofonda (foto Ansa)

WASHINGTON – “La pandemia in Usa potrebbe finire a luglio, ad agosto, ma se facciamo un ottimo lavoro”, ammette ora Donald Trump, mai apparso così pessimista, agitando addirittura lo spettro della recessione mentre a Wall Street, in chiusura durante il punto del presidente con la stampa, si scatena il panico.

Alla fine la Borsa di New York affonda come mai negli ultimi 30 anni e più. Il Dow Jones chiude in calo del 12,94% a 20.185,87 punti, il Nasdaq cede il 12,32% a 6.904,59 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno il 12,26% a 2.382,83 punti.

Poche ore prima il portavoce sulle questioni di salute pubblica del governo federale aveva detto: “Siamo ad un punto critico in questo Paese, siamo dove l’Italia era due settimane fa in termini di numeri. Se si guarda alle proiezioni, ci sono tutte le possibilità di diventare come l’Italia”.

Un allarme ripetuto anche dal governatore dello stato di New York Andrew Cuomo, che deve fronteggiare la situazione più seria di tutto il Paese con ormai quasi mille casi e 7 morti. Così la Grande Mela e Los Angeles, le metropoli più colpite dall’epidemia, si fermano.

Chiusi cinema, teatri, palestre, negozi, bar e ristoranti, questi ultimi autorizzati a lavorare solo per le ordinazioni da portar via o per le consegne a domicilio. Vietati tutti gli assembramenti oltre le 50 persone. In una manciata di ore anche la vita degli americani è stata stravolta da un’emergenza che fino a pochi giorni fa sembrava riguardare solo gli altri, la Cina, l’Italia, l’Europa. 

“Hunker down”, rintanatevi, uscite il meno possibile dalla vostra abitazione. Restano aperti solo i servizi ritenuti essenziali: negozi di alimentari e supermercati, farmacie, distributori di benzina e centri medici. New York chiude anche il suo simbolo più alto, la Statua della Libertà, mentre l’incubo più grande resta lo stop della metropolitana, per ora scongiurato.

Anche Las Vegas spegne le luci dei casinò sull’iconica Strip, Miami limita l’accesso alle spiagge, e in New Jersey scatta un vero e proprio coprifuoco dalle 8 di sera alle 5 del mattino. Guai a chi esce in strada, bisogna restare in casa. Come quei 32 milioni di studenti che in ben 33 stati Usa hanno visto chiudere le scuole pubbliche, e chissà se mai vi torneranno quest’anno scolastico. Stesso discorso per molti dei campus universitari.

Nella capitale Washington al momento la situazione è meno allarmante ma le restrizioni sono già tante e riguardano anche gli uffici federali, con la Corte Suprema che ha rinviato tutte le udienze di marzo. Persino la Casa Bianca d’Inverno di Mar-a-Lago, in Florida, è in quarantena, dopo che alcuni ospiti sono stati trovarti positivi al virus.

Dall’amministrazione Trump sono attese misure da applicare a livello federale, e nelle scorse ore era anche circolata la notizia di un possibile coprifuoco generalizzato poi smentita dalla Casa Bianca, anche se Trump non ha del tutto escluso tale opzione nel futuro.

Intanto è scontro tra il governatore Cuomo che chiede la mobilitazione dell’esercito per affrontare l’emergenza, soprattutto quella legata al numero dei posti letto negli ospedali, e il presidente che lo invita a chiedere meno e a fare di più. Inevitabilmente si complicano le cose anche sul fronte della campagna elettorale, nell’anno in cui si vota per le presidenziali. New York potrebbe essere il terzo stato a rinviare le primarie, dal 28 aprile al 23 giugno.

Fonte: Ansa e Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev