Giappone: tifone affonda cargo, 42 dispersi. Ecatombe in mare per 5800 mucche

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Settembre 2020 13:53 | Ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2020 13:54
Giappone, tifone Maysak

Giappone, tifone Maysak affonda cargo: ecatombe di mucche in mare (frame Youtube)

I soccorritori della Guardia costiera giapponese stanno cercando disperatamente i 42 membri dell’equipaggio di una nave affondata. 

Imperversa in questi giorni in Giappone il tifone Maysak. Oltre alla perdita del carico umano, da registrare un’ecatombe in mare di proporzioni inaudite.

Giappone, tifone e ecatombe in mare per 5800 capi di bestiame

La Gulf Livestock 1 trasportava un carico di 5.800 mucche: aveva lanciato una richiesta di soccorso nelle prime ore di mercoledì, da una posizione a 185 chilometri a ovest dell’isola giapponese di Amami Oshim.

Un sopravvissuto, il 45enne capo ufficiale della nave, è stato trovato aggrappato a un giubbotto di salvataggio.

Mancano ancora i dettagli su quando e dove la nave sia affondata, ma l’uomo ha detto di non aver visto altri membri dell’equipaggio in attesa dei soccorsi.

Nelle ricerche sono impegnate tre navi della guardia costiera, cinque aerei e sub specialisti nella ricerca e soccorso.

I dispersi in gran parte filippini

La nave trasportava un equipaggio di 39 filippini, due neozelandesi e due australiani.  L’Australasian Global Exports, con sede in Australia, aveva organizzato il trasporto di bestiame.

La nave stava viaggiando da Napier in Nuova Zelanda verso il porto cinese di Tangshan. Il ministero neozelandese delle industrie primarie ha dichiarato di sospendere temporaneamente le esportazioni di bovini vivi dopo l’incidente.

Poche immagini drammatiche mostrano l’unico superstite del naufragio galleggiare nell’oscurità con un giubbotto di salvataggio arancione. Prima di venir trascinato su una barca di soccorso con una corda.

L’uomo ha raccontato ai soccorritori di essersi messo un giubbotto di salvataggio e di essersi tuffato in mare dopo un annuncio di avvertimento a bordo, quando il potente tifone Maysak stava attraversando la zona.

Ha detto che uno dei motori della barca si era fermato e un’onda ha poi ribaltato la nave, che in seguito è affondata. (fonte Agi)