Italiani somari, pochi anni di scuola e 50esimo posto nella classifica mondiale

Pubblicato il 16 Settembre 2010 15:12 | Ultimo aggiornamento: 16 Settembre 2010 17:30

In Italia sia gli uomini che le donne studiano per molti meno anni rispetto al resto del mondo. Lo certifica uno studio pubblicato dalla rivista The Lancet nel numero speciale dedicato agli Obiettivi del Millennio dell’Onu: su 175 nazioni prese in considerazione il nostro paese si piazza al 53simo posto per numero di anni medi di studio delle donne, e al 51esimo per gli uomini.

Secondo l’analisi, effettuata da Emmanuela Gakidou dell’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) della Washington university di Seattle, in Italia le donne sopra i 25 anni in media hanno studiato per 10,2, mentre gli uomini per 10,6. Per quanto riguarda l’accesso delle donne alla scuola i ‘primi della classe’ sono i canadesi, con 14,2 anni, seguiti dagli Usa con 13,7 e dalla Norvegia con 13,6, e le cifre rimangono identiche per gli uomini. Peggio di noi in Europa fanno solo greci (al 58esimo posto), spagnoli (72) e portoghesi (89), mentre piu’ in alto in classifica si trovano, oltre ai paesi del nord Europa, anche molti dell’Europa dell’Est come la Romania.

“Tra i paesi occidentali – fanno notare i ricercatori – Canada e Norvegia sono quelli che hanno fatto di più per aumentare gli anni scolastici delle donne, aggiungendo rispettivamente 6,4 e 5,4 anni dal 1970 a oggi”. Anche da questo punti di vista, secondo le tabelle compilate, l’Italia resta indietro, e come numero di anni aggiunti è intorno al 99esimo posto.