L’aereo della Malaysia Airlines MH370 fu abbattuto da Awac americani? La teoria di un nuovo libro

Autrice una giornalista francese, gli aerei militari americani Awac volevano impedire che materiale speciale estremamente sensibile arrivasse in Cina. Il mistero continua a affascinare dopo 10 anni

di Maria Vittoria Prest
Pubblicato il 3 Marzo 2024 - 11:46
L’aereo della Malaysia Airlines MH370 fu abbattuto da Awac americani? la teoria di un nuovo libro

L’aereo della Malaysia Airlines MH370 fu abbattuto da Awac americani? la teoria di un nuovo libro

L’aereo della Malaysia Airlines MH370  scomparso 10 anni fa con 239 fra passeggeri ed equipaggio, fu abbattuto da aerei militari americani, gli Awac, per impedire che materiale speciale estremamente sensibile arrivasse in Cina. Il mistero continua a affascinare dopo 10 anni.

Una giornalista investigativa francese Florence de Changy che indaga sulla scomparsa da un decennio ha pubblicato un libro davvero  esplosivo in cui ricostruisce la tragedia, paragonandola al mistero italino di Ustica;  The Disappearing Act: The Impossible Case of MH370, di Florence de Changy (Harper Collins)

L’8 marzo 2014, il volo MH370 della Malaysia Airlines è partito da Kuala Lumpur per Pechino. Ma dopo 38 minuti di viaggio, all’1:20, ha perso il contatto con i controllori del traffico aereo sul Mar Cinese Meridionale, ricorda Doug White del Sun che ha raccolto la versione della giornalista francese.

Nell’intervista, Florence de Changy contesta parti chiave della versione ufficiale dei fatti. La versione ufficiale è che l’aereo è stato tracciato dal radar mentre attraversava la Malesia ed è scomparso nel Mare delle Andamane. Si dice che l’analisi satellitare abbia mostrato che ha fatto un’inversione a U e probabilmente è precipitato nell’Oceano Indiano meridionale.

Un potenziale luogo dell’incidente è stato identificato a 1.500 miglia a sud-ovest dell’Australia. La ricerca lì è stata la più costosa. Eppure, a parte i detriti contestati, dell’aereo non c’era traccia.

Florence de Changy ha trovato prove dal controllo del traffico aereo vietnamita e da fonti di intelligence che suggeriscono che l’aereo ha incontrato il suo destino intorno alle 2:45 a nord del Vietnam – due minuti dopo un mayday che diceva che la cabina si stava disintegrando. Ha detto: “Sono più sicura che mai che non ci sia stato alcun incidente nell’Oceano Indiano meridionale. “L’aereo ha continuato a volare fino alle 2:40.”

Gli investigatori hanno detto che i primi detriti trovati, il 29 luglio 2015, erano una sezione dell’ala destra chiamata flaperone. Si trovava su una spiaggia dell’isola della Riunione, territorio francese vicino a Mauritius, a circa 3.500 miglia dalla Malesia. “In primo luogo – racconta -, non hanno mai nemmeno stabilito la provenienza del flaperone. Questo è scioccante. In secondo luogo, hanno detto che il flaperone ha subito due shock consecutivi, il che non rientra in uno schianto nell’oceano. Inoltre, quel pezzo di materiale composito rotto non è pensato per galleggiare. Ma nell’oceano più violento del pianeta deve aver viaggiato fino a dieci miglia al giorno in linea retta per oltre 500 giorni per raggiungere la Riunione. Inoltre, ha perso la targhetta identificativa, il che è un enorme campanello d’allarme. Sono certo che sia stata piantata o che non sia correlata.”

Inizialmente i sospetti ricaddero sul capitano Zaharie Ahmad Shah, 52 anni, che era stato etichettato come un uomo problematico con una vita sentimentale caotica. All’epoca il primo ministro malese aveva addirittura lasciato intendere che Zaharie potesse essere dietro un complotto di omicidio-suicidio.

Ma Florence de Changy dice: “Un aspetto importante secondo me è che il capitano sia innocente. È stato al centro di molte accuse e campagne diffamatorie. Ho parlato con persone che lo conoscevano e ho visto rapporti confidenziali della polizia su di lui e sono convinto che fosse un brav’uomo e non avesse nulla a che fare con il destino dell’aereo”.

Secondo il manifesto di carico, a bordo c’erano 4,5 tonnellate di mangostani freschi, un frutto tropicale, e 2,5 tonnellate di piccoli apparecchi elettrici. Ma Florence  de Changy ha detto: “I mangostani non avevano senso. Non era la stagione giusta, era una cifra ridicola. “Poi ho scoperto che erano su ogni volo MH370 del mese successivo.
 Il più grande hub per il commercio illegale tra Africa e Cina è l’aeroporto di Kuala Lumpur. I mangostani potrebbero essere una copertura per ogni sorta di cose, compresi i corni di rinoceronte o le zanne di elefante“.

C’erano anche degli articoli elettrici: “Il rapporto ufficiale dice che questo carico non è stato sottoposto ai raggi X. Questo è un grosso problema”. Florence de Changy ritiene che il carico possa aver indotto un forzato atterraggio di emergenza: “Credo che ci sia stata un’operazione di confisca del carico. Se sei circondato da aerei militari, esegui gli ordini”.

Cosa che, stando alla sintetica ricostruzione del libro, il comandante non ha fatto. “Sentendosi minacciato, forse ha pensato che raggiungere lo spazio aereo cinese il più rapidamente possibile fosse la soluzione migliore. Si dà il caso che alle 2.25, quando l’aereo ha iniziato ad avvicinarsi allo spazio aereo cinese, il suo Satcom2 ha ripreso a funzionare, come se gli aerei Awacs avessero deciso di disperdersi piuttosto che essere catturati dai radar cinesi. Quindi la missione abortì quando l’MH370 si stava avvicinando a un’area estremamente militarizzata, con la base chiave dei sottomarini nucleari cinesi chiamata Base navale di Yulin, situata a sud dell’isola di Hainan, 150 miglia a nord di Da Nang, e la tanto contesa (e di fatto occupata dalla Cina) Isole Paracelse“.

“Eppure il tentativo di fuga incredibilmente audace da parte dei piloti dell’MH370 non è riuscito. Secondo una fonte mediorientale che ha citato gli Awac, l’aereo sarebbe stato infine preso di mira e colpito con “sistemi di armi laser” (LaWS); questi venivano ufficialmente testati dalle forze armate statunitensi proprio in questo periodo. L’abbattimento avrebbe potuto essere un errore, ma avrebbe potuto anche essere l’ultima risorsa per impedire che l’aereo e il suo carico speciale cadessero nelle mani della Cina”.

Al momento della tragedia, Sir Tim Clark, presidente britannico della compagnia aerea Emirates, disse che quasi tutti gli altri voli scomparsi nella storia erano stati “tracciabili almeno per il cinque o dieci per cento” e che la scomparsa dell’MH370 sollevava “un certo grado di sospetto”.

Florence ha affermato che l’Australian Transport Safety Bureau, che ha condotto la ricerca iniziale, gli ha chiesto di smettere di commentare. Ha detto: “Aveva la flotta più grande di quegli aerei e ha detto che non credeva che ne avessero perso uno. Mesi dopo fu messo a tacere”.