Max Azzarello si è dato fuoco per avvisarci di “un colpo di stato mondiale apocalittico e fascista”

di Mario Tafuri
Pubblicato il 21 Aprile 2024 - 10:10
Max Azzarello si è dato fuoco per avvisarci di "un colpo di stato mondiale apocalittico e fascista"

Max Azzarello si è dato fuoco

Max Azzarello si è dato fuoco per attirare la nostra attenzione su “una truffa totalitaria” di cui siamo vittime, mentre “il nostro stesso governo (insieme a molti dei suoi alleati) sta per colpirci con un colpo di stato mondiale apocalittico e fascista”. E così è morto poche ore dopo.

  • Azzarello, teorico della cospirazione si è dato fuoco fuori dal tribunale di Manhattan dove l’ex presidente Donald Trump è a processo.
  • Era in corso la selezione della giuria nel processo in cui Trump è accusato di aver pagato la porno star Stormy Daniels 130.000 dollari per farla tacere dopo che nel 2016 si era fatta avanti affermando di avere avuto una relazione con Trump in 2006 nel Nevada.
  • I registri della polizia mostrano che Max Azzarello aveva uno strano passato criminale prima di auto-immolarsi fuori dal tribunale di Manhattan dove era al quarto giorno il processo segreto di Trump.

Azzarello, di St. Augustine, in Florida, aveva già avuto scontri con la polizia e aveva una storia di pubblicazione di folli teorie del complotto nel suo sconclusionato blog online, che aveva pubblicato poco prima dell’incidente.

Ha anche pubblicato un manifesto prima di darsi fuoco, intitolato semplicemente: “Mi sono dato fuoco fuori dal processo Trump”. Un collegamento alla lettera, che era stata pubblicata nel suo Substack, appariva sul cartello che teneva in mano mentre commetteva l’atto disturbante.
Le parole del manifesto erano agghiaccianti. “Mi chiamo Max Azzarello e sono un ricercatore investigativo che si è dato fuoco fuori dal processo Trump a Manhattan”, ha scritto.

Azzarello ha aggiunto: “Questo atto estremo di protesta vuole attirare l’attenzione su una scoperta urgente e importante: siamo vittime di una truffa totalitaria e il nostro stesso governo (insieme a molti dei suoi alleati) sta per colpirci con un colpo di stato mondiale apocalittico e fascista.” Il messaggio concludeva: “Ai miei amici e familiari, testimoni e primi soccorritori, mi scuso profondamente per avervi inflitto questo dolore”.

LE ULTIME PAROLE DI MAX AZZARELLO

La sua ultima storia su Instagram mostrava le parole agghiaccianti: “Ti amo, ti amo, ti amo, ti amo”, il tutto ripetuto su quattro righe su uno sfondo azzurro. L’ultima immagine che ha condiviso riguardava un opuscolo, alcuni dei quali è stato visto lanciare in aria mentre bruciava, intitolato “La vera storia del mondo, l’aggiunta del carnevale infestato”.

Chi era Maxwell Azzarello? Jeffrey Maddrey, capo del dipartimento della polizia di New York, ha riferito che l’individuo, di nome Maxwell Azzarello, è entrato nel parco, ha distribuito diversi opuscoli e poi si è dato fuoco.
È crollato quasi istantaneamente su una barricata della polizia di New York.
Azzarello è di St. Augustine, in Florida, ed è ora in condizioni critiche in un reparto ustionati della Cornell University. Si autoproclama “ricercatore investigativo”.
Joe Kenny, capo degli investigatori della polizia di New York, ha dichiarato che Azzarello era arrivato a New York all’inizio della settimana e ha descritto il suo atto come “propaganda”.