Pittsburgh, il giallo dell’omicidio del professore cinese “vicino a scoperta sul coronavirus”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Maggio 2020 13:06 | Ultimo aggiornamento: 6 Maggio 2020 13:23
Pittsburgh, Ansa

Pittsburgh, il giallo dell’omicidio del professore cinese “vicino a scoperta sul coronavirus” (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Un vero e proprio giallo. 

Un professore cinese dell’università di Pittsburgh, Pennsylvania, professore che era vicino a “scoperte molto significative” sul Covid-19, è stato assassinato.

Bing Liu, questo il nome del professore, 37 anni, è stato freddato in casa con numerosi spari alla testa, al collo e al torace.

Un caso di omicidio-suicidio.

L’omicida è il 46enne Hao Gu.

Quarantaseienne che poi si è ucciso nella sua auto, parcheggiata poco distante dalla casa del professore.

La polizia ritiene che i due si conoscessero e che il movente non sia una rapina.

Il delitto è avvenuto sul patio della casa del professore mentre la moglie della vittima era fuori.

Gli elementi sono quelli di un vero e proprio giallo: un professore cinese vicino a importanti scoperte sul coronavirus che viene ucciso da un altro cinese. Altro cinese che poi si è tolto la vita.

Resta da capire il movente. 

L’università di Pittsburgh ha spiegato che Bing Liu aveva un dottorato in chimica ed era “un eccezionale e prolifico ricercatore” che era “vicino a realizzare scoperte molto significative per la comprensione dei meccanismi cellulari che sottintendono all’infezione da SARS-CoV-2 e alle successive complicazioni”.

“Faremo uno sforzo – fanno sapere dall’ateneo – per completare ciò che ha iniziato in modo da rendere omaggio alla sua eccellenza scientifica”. (Fonte: Agi).