Traffico di migranti, il tesoro degli scafisti: sequestrati beni per 3 milioni, 14 arresti

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 Gennaio 2019 10:43 | Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio 2019 10:46
Traffico di migranti, il tesoro degli scafisti: sequestrati beni per 3 milioni, 14 arresti

Traffico di migranti, il tesoro degli scafisti: sequestrati beni per 3 milioni, 14 arresti (foto Ansa)

PALERMO  –  Maxi-blitz contro il traffico di migranti. Quattordici persone, tra italiani e stranieri, sono state arrestate con l’accusa di far parte di un sodalizio criminale che avrebbe gestito il traffico di migranti tra la Tunisia e le coste siciliane con gommoni veloci: viaggi della speranza da 3mila euro a tratta. 

I componenti del presunto clan, capeggiato da un tunisino, sono accusati a vario titolo di sfruttamento dell’immigrazione clandestina, contrabbando di tabacchi lavorati e fittizia intestazione di beni e attività economiche. Contestualmente è in corso il sequestro di tre aziende del trapanese riconducibili al capo dell’organizzazione (un ristorante, un cantiere nautico e una azienda agricola), nonché di diversi immobili, automezzi, due pescherecci, denaro contante e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro

Alcuni indagati sono stati bloccati nel porto di Palermo mentre erano in partenza per la Tunisia con denaro contante per oltre 30mila euro. L’organizzazione criminale che gestiva i viaggi di migranti tra la Tunisia e la Sicilia era composta da cittadini tunisini e italiani che operavano tra il Paese nordafricano e le province di Trapani, Agrigento e Palermo. La banda, secondo l’ipotesi dell’accusa, reclutava i profughi e raccoglieva grosse somme di denaro per la traversata: fino a 3mila euro.

L’organizzazione rubava natanti e motori, già usati per i viaggi verso l’Italia e sequestrati dalla Finanza, e acquistava tabacchi di contrabbando che poi portava in Sicilia e rivendeva grazie alla rete di distribuzione che aveva nei mercati rionali palermitani. La banda usava gommoni carenati, dotati di potenti motori fuoribordo, con i quali era in grado di coprire il tratto di mare che separa le due sponde del Mediterraneo in poche ore, trasportando, per ciascuna traversata, dai 10 ai 15 persone.

Il business aveva portato enormi guadagni reinvestiti, tra l’altro, in una azienda agricola di Marsala, in un cantiere nautico di Mazara del Vallo e in un ristorante. Secondo gli inquirenti, l’organizzazione era in grado di cambiare rotte e modalità dei viaggi sfruttando la vicinanza dell’isola di Lampedusa alle coste tunisine, la disponibilità di due pescherecci italiani – particolarmente attivi sul tratto di mare che separa l’isola italiana dalla costa africana – e grazie alla complicità di italiani in grado di eludere i controlli delle forze dell’ordine e far allontanare dalla costa i profughi una volta sbarcati.

A capo dell’organizzazione criminale, secondo l’accusa, ci sarebbe stato Fadhel Moncer, tunisino. La sua caratura criminale emerge da alcune conversazioni telefoniche intercettate in cui il tunisino ammetteva di aver sollecitato la falsificazione di verbali di arresto e di aver pagato una tangente ai funzionari locali della polizia tunisina della città di Kelibia in occasione del fermo di uno dei suoi complici.

Ai migranti fatti entrare in Italia l’organizzazione garantiva la possibilità di un contratto di lavoro fittizio, anche di tipo “stagionale”. Almeno in sette occasioni, oltre ai profughi, sono stati introdotti in Italia tabacchi di contrabbando per centinaia di migliaia di euro.

Ma Moncer è anche ritenuto responsabile di aver progettato un attentato dinamitardo a una caserma dei carabinieri nel 2012. 

Durante le indagini è stato arrestato per traffico di sostanze stupefacenti uno dei complici di Moncer, preso con 30 chili di hashish al casello autostradale di Buonfornello e due “contrabbandieri” di sigarette e sono stati sequestrati 360 kg. di tabacchi lavorati. Solo la settimana scorsa la Procura di Palermo aveva scoperto un’altra organizzazione criminale che gestiva i viaggi tra il nord-Africa e l’Italia con le stesse modalità.