Ilva, due indagini: vuole accendere altoforno, vuole spegnere impianto…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Dicembre 2019 12:20 | Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre 2019 12:20
Ilva, due indagini: vuole accendere altoforno 2, vuole spegnere impianto...

Nella foto Ansa, lo stabilimento Ilva di Taranto

ROMA – Ilva, due le indagini (e le ipotesi di accusa) su Arcelor Mittal: voler tenere acceso l’altoforno nonostante non siano state ripristinate le condizioni di sicurezza operativa ordinate e prescritte dalla Magistratura e voler spegnere gli impianti tutti dell’acciaieria perseguendo strategia dell’abbandono. Logica vorrebbe: delle due l’una. Entrambe le accuse non possono far parte della stessa realtà. E invece…

Invece la Magistratura in loco intima lo spegnimento dell’altoforno numero due, rigettando la richiesta di una proroga del suo funzionamento alle condizioni attuali. Indagine e azione della Magistratura locale susseguente a incidente mortale sul lavoro di qualche tempo fa, il giudice comanda la messa in sicurezza dell’altoforno e quindi ipotizza e attesta Arcelor Mittal voglia produrre anche a costo di rischi per i lavoratori.

Ma da Milano altra Magistratura sta indagando su Arcelor Mittal nell’ipotesi Arcelor Mittal abbia di fatto deciso di non produrre più, svuotando magazzini, non rifornendo acciaieria di materie prime,lasciando andare in malora gli impianti.

Arcelor Mittal allora sta sfiorando la violazione di legge per produrre ad ogni costo o sta di fatto ingannando lavoratori e Stato perché non vuole più produrre e vuole scappare via da Taranto e dall’Italia? Arcelor Mittal è sotto inchiesta per entrambe le cose. Per il bianco e per il nero, per l’alto e il basso contemporaneamente.

Doppia e contraddittoria sulla ex Ilva non solo l’azione della Magistratura. Anche quella della pubblica opinione: si vuole che ex Ilva resti aperta e funzionante, anzi produca più acciaio di quanto non faccia ora e quindi, come da richiesta sindacale, “esuberi zero” nel numero degli occupati. Si vuole anche però che gli impianti di fatto oggi cessino la produzione fino a quando (non si sa quando e con quali risorse e tecnologie) il produrre acciaio sia diventata di fatto una attività green. Il governo? Si adegua, cioè si barcamena, cioè nel caso in specie assicura e garantisce e si impegna a tenere ex Ilva alla massima produzione e alla produzione zero.