Imu e tasse più alte, Stato incassa: nel 2012 13,8 milardi in più del 2011

Pubblicato il 7 Gennaio 2013 17:34 | Ultimo aggiornamento: 7 Gennaio 2013 17:36

Tasse, entrate fiscali in aumento di 13,8 mld nel 2012

ROMA – Lo Stato incassa di più grazie all’Imu e all’aumento della pressione fiscale  nonostante la crisi. Secondo i dati resi pubblici il 7 gennaio dal  Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia infatti le entrate tributarie nei primi undici mesi del 2012 si sono attestate a quota 378,189 miliardi di euro, in crescita di 13,8 miliardi (+3,8%) rispetto allo stesso periodo del 2011.

Le entrate a gennaio-novembre 2012 sono aumentate – spiega il Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia – per effetto dell’aumento sia delle imposte dirette (+4,8%) sia delle imposte indirette (+2,6%). Contribuiscono alla crescita delle imposte dirette l’imposta municipale propria (Imu) per la quota di spettanza erariale e l’imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale ”anche per effetto delle modifiche al regime di tassazione delle rendite finanziarie”.

Le entrate a gennaio-novembre 2012 sono aumentate – spiega il Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia – per effetto dell’aumento sia delle imposte dirette (+4,8%) sia delle imposte indirette (+2,6%). Contribuiscono alla crescita delle imposte dirette l’imposta municipale propria (Imu) per la quota di spettanza erariale e l’imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale ”anche per effetto delle modifiche al regime di tassazione delle rendite finanziarie”.

”Nel complesso – si legge nella nota – a fronte del marcato deterioramento del ciclo economico, la dinamica delle entrate conferma la tendenza alla crescita a ritmi superiori rispetto all’analogo periodo dello scorso anno per effetto delle misure correttive varate a partire dalla seconda metà del 2011”. L’Imu, appunto.