Gigantesca frana in Papua Nuova Guinea, oltre 2.000 persone sepolte FOTO

di redazione esteri
Pubblicato il 27 Maggio 2024 - 09:49
frana

FOTO ANSA

Una gigantesca frana ha sepolto più di 2.000 persone in Papua Nuova Guinea. Il governo ha chiesto formalmente l’aiuto internazionale. La cifra del governo è circa tre volte superiore alla stima delle Nazioni Unite che parlano invece di 670 persone coinvolte. Secondo il National Disaster Center della nazione insulare del Pacifico meridionale, la frana “ha seppellito vive più di 2000 persone” e ha causato “gravi distruzioni”. L’Australia ha reagito immediatamente e si è preparata a inviare aerei e altre attrezzature per aiutare sul luogo in cui si è verificata la frana, mentre le piogge notturne nell’entroterra montuoso della nazione del Pacifico meridionale hanno sollevato il timore che le tonnellate di macerie che hanno seppellito gli abitanti potrebbero diventare pericolosamente instabili.

Nello specifico si tratta del crollo del fianco della montagna sul villaggio di Yambali, nella provincia di Enga. Finora sono stati recuperati i resti di sole sei persone. La Papua Nuova Guinea è il vicino più vicino all’Australia e i paesi stanno sviluppando legami di difesa più stretti come parte di uno sforzo australiano per contrastare la crescente influenza della Cina nella regione. L’Australia è anche il più generoso fornitore di aiuti esteri alla sua ex colonia, diventata indipendente nel 1975.

Una forte pioggia è caduta per due ore durante la notte sul capoluogo di provincia di Wabag, a 60 chilometri dal villaggio devastato. Un bollettino meteorologico non è stato immediatamente disponibile da Yambali, dove le comunicazioni sono limitate. Ma i soccorritori erano preoccupati per l’impatto della pioggia sulla massa già instabile di detriti che giaceva a una profondità compresa tra 6 e 8 metri su un’area grande quanto tre o quattro campi da calcio.