Doping, Andrea Iannone ricorre al Tas: la Wada chiede 4 anni di stop

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Giugno 2020 19:15 | Ultimo aggiornamento: 9 Giugno 2020 18:54
Doping, Andrea Iannone ricorre al Tas: la Wada chiede 4 anni di stop

Doping, Andrea Iannone ricorre al Tas: la Wada chiede 4 anni di stop (foto Ansa)

ROMA – Andrea Iannone ha fatto appello al Tas contro la sentenza di sospensione di 18 mesi per il doping.

Il pilota si è appellato anche alla Wada, che chiede però un inasprimento della pena fino a 4 anni di stop.

Lo ha annunciato lo stesso tribunale arbitrale dello sport di Losanna.

Il pilota del Mondiale di MotoGp dell’Aprilia, 30 anni, è stato sospeso a partire dal il 31 marzo.

Iannone è stato trovato positivo al drostanolone dopo il Gran Premio della Malesia a Sepang il 3 novembre scorso.

    “Andrea Iannone chiede che la sentenza venga annullata.

Mentre la WADA chiede che la decisione venga sostituita da una sospensione di quattro anni per il pilota”, ha affermato il Tas.

    Ciò corrisponde al periodo previsto per questo tipo di reato.

Il tribunale ha dichiarato che non è stata ancora fissata una data per l’esame di questi ricorsi.

Iannone era stato anche squalificato dalle ultime due gare della stagione 2019, in Malesia e a Valencia il 17 novembre, che non aveva comunque concluso.

Di conseguenza, ha mantenuto il suo 16/o posto nella classifica del 2019 con 43 punti.

    L’Aprilia ha annunciato oggi che il compagno di squadra di Andrea Iannone, lo spagnolo Aleix Esparago, ha prolungato il suo contratto con la squadra italiana fino alla fine del 2022.

Non solo doping. Andrea Iannone, il suo anno d’oro alla Ducati nel 2015.

Andrea Iannone ha iniziato la sua carriera nel motomondiale nel 2005, quindici anni fa.

Nel corso della sua carriera, Iannone ha partecipato al motomondiale nelle categorie 125, Moto2 e MotoGp.

Il suo risultato migliore è stato il terzo posto in Moto2 che ha centrato consecutivamente dal 2010 al 2012.

Andrea Iannone ha iniziato a gareggiare in MotoGp, che è la categoria più importante, nel 2013.

La sua stagione migliore in MotoGp è stata in sella ad una Ducati nel 2015.

In quella stagione magica, Andrea Iannone è riuscito a terminare quinto dietro a degli autentici mostri sacri di questo sport    (fonte ANSA).