Fabrizio Corona e lo spot su Instagram per il negozio di cannabis light

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Maggio 2021 11:05 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2021 11:05
Fabrizio Corona e lo spot su Instagram per il negozio di cannabis light

Fabrizio Corona e lo spot su Instagram per il negozio di cannabis light (foto Ansa)

Fabrizio Corona, agli arresti domiciliari, diventa promoter di un negozio di cannabis light, quella legale.

Tra le sue storie Instagram, infatti, compare uno spot, con sottofondo la colonna sonora di “Narcos”, in cui lui (le sue mani tatuate sono inconfondibili) maneggia la marijuana con basso thc.

“Un business – si legge sul profilo social del negozio – per una buona causa. Infatti una parte del ricavato andrà in beneficienza ai carcerati”.

Fabrizio Corona, l’11 marzo il ritorno in cella, poi i domiciliari

Il Tribunale di Sorveglianza di Milano l’11 marzo scorso aveva revocato, per una serie di violazioni delle prescrizioni, il differimento pena ai domiciliari che era stato concesso a Corona nel dicembre 2019 per una patologia psichiatrica di cui soffre.

Ora i giudici (un altro collegio della Sorveglianza), spiegano che il provvedimento di marzo non è adeguatamente motivato e per questo hanno deciso di sospendere lo stop al differimento pena in attesa che sul merito si pronunci la Cassazione.

Fabrizio Corona e i gesti autolesionistici

Nel nuovo provvedimento, a quanto risulta, i giudici fanno riferimento anche ai gesti autolesionistici messi in atto dall’ex re dei paparazzi nelle ultime settimane, oltre che alle relazioni degli esperti già agli atti e che avevano messo in luce la necessità che Corona proseguisse nel percorso di cure fuori dal carcere.

La Sorveglianza, inoltre, fa notare che non era stata valutata la richiesta della difesa di una perizia sulla compatibilità di Corona con la detenzione in carcere. E sempre i giudici chiariscono, in sostanza, che le esigenze di tutela della salute devono prevalere nella fase di esecuzione della pena.