Caso Ruby, la difesa di Emilio Fede contraria all’ipotesi del patteggiamento: “E’ innocente”

Pubblicato il 13 Marzo 2011 16:45 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2011 16:48

Emilio Fede

MILANO – E’ contraria ad ogni ipotesi di patteggiamento la difesa di Emilio Fede, il direttore del Tg4 indagato dalla Procura di Milano nello stralcio dell’inchiesta sul caso Ruby insieme al consigliere regionale Nicole Minetti, l’imprenditore dei vip Lele Mora e altre tre persone.

L’avvocato Nadia Alecci, che insieme al professor Angelo Giarda e Gaetano Pecorella, difende Fede, ha dichiarato: ”abbiamo appreso dalla stampa che il consigliere Minetti con il suo legale, non sarebbe contraria ad un eventuale patteggiamento nel processo che la vede indagata in concorso con il mio assistito. Voglio precisare – ha continuato l’avvocato Alecci – che l’idea di un patteggiamento non ci passa nemmeno per l’anticamera del cervello”. ‘

‘Emilio Fede – ha concluso il difensore – è del tutto estraneo ai fatti che apprendiamo sempre soltanto dai giornali, ed aspetta soltanto di poter dare tutti i chiarimenti necessari dopo la chiusura dell’inchiesta e il deposito degli atti”. L’avviso di conclusione di questo troncone dell’indagine dovrebbe essere notificato come era trapelato nei giorni scorsi, a partire da dopodomani.