Ferrara: "Vertici segreti? La maggioranza si vergogna"

Pubblicato il 25 Novembre 2011 16:19 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2011 16:30

ROMA, 25 NOV – La maggioranza ''tripartita'' si vergogna di se' e per questo fa vertici segreti: cosi' Giuliano Ferrara in un editoriale che apparira' domani su ''il Foglio''. ''Ai mercati – premette – non interessa un governo tecnico, con la democrazia sospesa e la politica impiccata. La crisi di fiducia riguarda l'Europa e il governo dell'euro, cosa che questo giornale in corsa solitaria contro il luogo comune fazioso antiberlusconiano ha ripetuto per mesi''.

Per Ferrara, ''la situazione e' surreale e drammatica'' perche' mentre la Borsa va a picco e lo spread sale ''siamo nel fondo di un pozzo politico dal quale risalire sara' arduo''. ''Una maggioranza tripartita – sottolinea – che si vergogna di esserlo (nata com'e' all'insegna della rinuncia alla sovranita' politica democratica), che combina vertici segreti a Palazzo Giustiniani (il luogo giusto, il palazzo della Massoneria) con il Preside del consiglio di facolta', un tris di segretari impotenti (Bersani, Alfano, Casini) che passa da dietro, dalle porte laterali, per non farsi sorprendere''. ''Negli anni Settanta – prosegue – con l'emergenza economica e l'emergenza terrorismo fu praticato il compromesso storico. Una cosa grande, a confronto con questo tripartitismo di sottogoverno che si presenta in scena e si annuncia nel peggiore dei modi. (…) Il dramma continua, e lo si recita come fosse una farsa. Un Monti impacciato fa il bravo scolaretto davanti ai due gia' ilari direttori didattici dell'Europa virtuosa, il ritmo della danza e' pachidermico, e tutti stanno zitti, tutti giocano ai finti tonti, ai sobri, ai loden-vestiti che tra una Trilateral e l'altra stanno facendo strame di un paese imbocconito''.