Trump dittatore è sempre più inevitabile: la amara previsione di Robert Kagan, importante intellettuale di destra

Trump dittatore è sempre più inevitabile: non è un timore di sinistra ma la amara previsione di un importante intellettuale di destra americano, Robert Kagan

di Sergio Carli
Pubblicato il 10 Dicembre 2023 - 12:30
Trump dittatore è sempre più inevitabile: la amara previsione di Robert Kagan, importante intellettuale di destra

Trump dittatore è sempre più inevitabile: la amara previsione di Robert Kagan, importante intellettuale di destra

Trump dittatore: sempre più inevitabile. Non è un timore di sinistra ma la amara previsione di un importante intellettuale di destra americano, Robert Kagan.

Per dimostrare l’incombenza del pericolo, Kagan usa un articolo di 6 mila parole pubblicato dal Washington Post.

L’articolo contiene ripetuti riferimenti alla ascesa al potere di Hitler. Letto in Italia fa venire spontaneo il pensiero di Mussolini e in una certa misura il confronto con la situazione italiana di oggi.
Il fatto che il Governo Meloni non sia così di destra come tanti suoi sostenitori avrebbero voluto non deve ingannare. La prima volta che Mussolini si presentò al re non era in divisa e camicia nera ma portava tight e ghette.

In tutti i casi, da Trump a Meloni, prima ancora della loro forza intrinseca, ha giocato a loro vantaggio la frantumazione della opposizione. Così fu in Germania, in Italia si inventarono l’aventino, oggi la sinistra italiana e frantumata dalla lotta fra Schlein Conte Calenda che sembrano farlo apposta quando uniti i loro voti supererebbero quelli della destra.

Al frazionismo della sinistra, in America si aggiunge l’età del presidente in carica Joe Biden, che compirà al tempo delle elezioni del 2024 gli 82 anni cui Trump arriverà solo nel 2028.

A noi italiani quel che succede in America potrebbe interessare poco. Per 80 anni e per nostra fortuna siamo stati saldamente nell’orbita degli Usa, cosa che ci ha trasformato da Italia proletaria e fascista a settima potenza industriale del mondo.

Il rischio per l’Italia di una nuova presidenza Trump è dato dal suo asservimento agli interessi russi. Lo era inizialmente anche Biden, ricattato per via delle intemperanze del figlio Hunter, ma i legami del Partito Democratico con i cinesi fin dai tempi di Clinton hanno prevalso.

Gli interessi italiani non sono stati mai allineati con quelli russi fin dalla guerra di Crimea.
Con la classe politica che ci ritroviamo non c’è da stare allegri.

C’è però da stare preparati al peggio, se davvero le fosche previsioni di Kagan si avvereranno.

Kagan è di destra. Un suo libretto del 2008,  The Return of History and the End of Dreams, quando uscì fece scalpore. Nel 2016, Kagan ha lasciato il Partito Repubblicano, criticando il “fascismo” di Donald Trump e sostenendo Hillary Clinton. Diede l’annuncio con un articolo sul WP intitolato This is how fascism comes to America, Ecco come il fascismo arriva in America. Per completare il flash, suo padre fu Donald Kagan, storico numero uno al mondo su Tucidide e la guerra del Peloponneso.

Scrive Kagan: lnegli Stati Uniti il percorso verso la dittatura è chiaro e ogni giorno si accorcia. Tra 13 settimane Donald Trump avrà bloccato la nomination repubblicana. Nella media dei sondaggi RealClearPolitics (per il periodo dal 9 al 20 novembre), Trump guida il suo concorrente più vicino di 47 punti e guida il resto del campo combinato di 27 punti.

L’idea che non sia eleggibile alle elezioni generali è una sciocchezza – è pari o in vantaggio rispetto al presidente Biden in tutti gli ultimi sondaggi – privando gli altri sfidanti repubblicani delle loro dichiarate ragioni di esistenza.

Un vincitore è un vincitore. E un vincitore che ha una ragionevole possibilità di esercitare tutto il potere che c’è da esercitare nel mondo attirerà sostegno, non importa chi sia. Questa è la natura del potere, in qualsiasi momento e in qualsiasi società.

Ma Trump non dominerà solo il suo partito. Diventerà di nuovo il centro dell’attenzione di tutti. Anche oggi, i mezzi di informazione difficilmente riescono a resistere alla tentazione di seguire ogni parola e ogni azione di Trump. Una volta ottenuta la nomina, incomberà sul paese come un colosso, ogni sua parola e ogni suo gesto verranno raccontati all’infinito. 

Si può dire lo stesso di Biden? È probabile che il potere di Biden cresca nei prossimi mesi? Il suo partito si unirà attorno a lui? Oppure l’allarme e il dubbio tra i democratici, già elevati, continueranno ad aumentare? Anche a questo punto, il presidente è alle prese con defezioni a due cifre tra i neri americani e gli elettori più giovani. Jill Stein e Robert F. Kennedy Jr. hanno già lanciato, rispettivamente, campagne indipendenti e di terze parti, rivolte a Biden principalmente dalla sinistra populista.

Trump gode anche di un altro vantaggio. L’umore nazionale a meno di un anno dalle elezioni è caratterizzato da un disgusto bipartisan nei confronti del sistema politico in generale. Raramente nella storia americana il disordine intrinseco della democrazia è stato più sorprendente.

Nella Germania di Weimar, Hitler e altri agitatori trassero vantaggio dai litigi tra i partiti democratici, di destra e di sinistra, dalle infinite lotte sul bilancio, dagli impasse nella legislatura, dalle coalizioni fragili e contrastanti. Gli elettori tedeschi desideravano sempre più qualcuno che riuscisse a superare tutto e a fare qualcosa – qualsiasi cosa. Non importava nemmeno chi si nascondesse dietro la paralisi politica, se l’intransigenza provenisse da destra o da sinistra.

Trump non sarà contenuto dai tribunali o dallo stato di diritto. Al contrario, utilizzerà le prove per dimostrare. Ecco perché li vuole trasmessi in televisione. Il potere di Trump deriva dal suo seguito, non dalle istituzioni del governo americano, e i suoi devoti elettori lo amano proprio perché oltrepassa i limiti e ignora i vecchi confini.

E aspettate solo che i voti inizino ad affluire. I giudici metteranno in prigione un presunto candidato repubblicano per oltraggio alla corte? Una volta che sarà chiaro che non lo faranno, allora gli equilibri di potere all’interno del tribunale, e nel paese in generale, si sposteranno nuovamente a favore di Trump. L’esito più probabile dei processi sarà quello di dimostrare l’incapacità del nostro sistema giudiziario di contenere qualcuno come Trump e, incidentalmente, di rivelare la sua impotenza come controllo nel caso in cui diventasse presidente.

Incriminare Trump per aver tentato di rovesciare il governo si rivelerà simile a incriminare Cesare per aver attraversato il Rubicone, e altrettanto efficace. Come Cesare, Trump esercita un potere che trascende le leggi e le istituzioni di governo, basato sull’incrollabile lealtà personale del suo esercito di seguaci.

Se Trump dovesse vincere le elezioni, diventerà immediatamente la persona più potente che abbia mai ricoperto quella carica. Non solo eserciterà gli straordinari poteri dell’esecutivo americano – poteri che, come lamentavano i conservatori, sono cresciuti nel corso dei decenni – ma lo farà con i minori vincoli di qualsiasi presidente, minori anche di quelli del suo primo mandato.

Vale la pena entrare un po’ nella testa di Trump e immaginare il suo stato d’animo dopo una vittoria elettorale. Avrà trascorso l’anno precedente, e anche di più, lottando per restare fuori di prigione,

Abbiamo intravvisto la sua profonda sete di vendetta nella promessa del Veterans Day di “sradicare i comunisti, i marxisti, i fascisti e i teppisti della sinistra radicale che vivono come parassiti entro i confini del nostro Paese, mentono, rubano e imbrogliano le elezioni, e farà tutto il possibile, sia legalmente che illegalmente, per distruggere l’America e il sogno americano”. Nota l’equazione di se stesso con “L’America e il sogno americano”.

Come sarà? Trump ha già nominato alcuni di coloro che intende perseguire una volta eletto: alti funzionari del suo primo mandato come il generale in pensione John F. Kelly, il generale Mark A. Milley, l’ex procuratore generale William P. Barr e altri che ha parlato contro di lui dopo le elezioni del 2020; funzionari dell’FBI e della CIA che hanno indagato su di lui nell’indagine sulla Russia; Funzionari del Dipartimento di Giustizia che hanno rifiutato le sue richieste di ribaltare le elezioni del 2020; membri del comitato del 6 gennaio; Oppositori democratici tra cui il deputato Adam B. Schiff (California); e i repubblicani che hanno votato o sostenuto pubblicamente la sua impeachment e condanna.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ma questo è solo l’inizio. Dopotutto, Trump non sarà l’unica persona in cerca di vendetta. La sua amministrazione sarà piena di persone con liste di nemici, un gruppo determinato di funzionari “controllati” che considereranno come loro unica missione, autorizzata dal presidente, quella di “sradicare” coloro di cui non ci si può fidare.

Né sarà difficile trovare cose con cui accusare gli avversari. La storia americana è purtroppo piena di casi di funzionari ingiustamente presi di mira perché si trovavano dalla parte sbagliata di una particolare questione nel momento sbagliato: le “Mani Cinesi” del Dipartimento di Stato della fine degli anni ’40, per esempio, le cui carriere furono distrutte perché accadute essere in posizioni di influenza quando si verificò la rivoluzione comunista cinese.

Oggi c’è nell’aria l’odore di un nuovo maccartismo. I repubblicani del MAGA insistono sul fatto che Biden stesso è un “comunista”, che la sua elezione è stata una “presa del potere comunista” e che la sua amministrazione è un “regime comunista”.

La discesa verso la dittatura è inevitabile? No. Niente nella storia è inevitabile. Gli eventi imprevisti cambiano le traiettorie. Forse, nonostante tutto, Trump non vincerà. Forse il lancio della moneta darà come risultato testa e saremo tutti al sicuro. E forse anche se vincesse, non farà nessuna delle cose che ha detto che farà.

Ciò che è certo, tuttavia, è che le probabilità che gli Stati Uniti cadano in una dittatura sono aumentate considerevolmente perché molti degli ostacoli sono stati eliminati e ne sono rimasti solo pochi.

Se otto anni fa sembrava letteralmente inconcepibile che un uomo come Trump potesse essere eletto, quell’ostacolo è stato superato nel 2016. Se allora sembrava inimmaginabile che un presidente americano tentasse di rimanere in carica dopo aver perso un’elezione, quell’ostacolo è stato superato nel 2020. E se nessuno potesse credere che Trump, dopo aver tentato senza riuscirci di invalidare le elezioni e fermare il conteggio dei voti dei collegi elettorali, sarebbe comunque riemerso come leader incontrastato del Partito Repubblicano e suo candidato nuovamente nel 2024, beh, siamo quasi per vedere eliminato anche quell’ostacolo.

In pochi anni siamo passati dall’essere relativamente sicuri nella nostra democrazia all’essere a pochi passi, e nel giro di pochi mesi, dalla possibilità di una dittatura.

I repubblicani avrebbero potuto impedire a Trump di vincere la nomination nel 2016, ma non lo hanno fatto. Gli elettori avrebbero potuto eleggere Hillary Clinton, ma non lo hanno fatto. I senatori repubblicani avrebbero potuto votare per condannare Trump in uno dei suoi processi di impeachment, il che avrebbe potuto rendere la sua corsa alla presidenza molto più difficile, ma non lo hanno fatto.

Oggi siamo più vicini a quel punto di quanto lo siamo mai stati, eppure continuiamo a scivolare verso la dittatura, sperando ancora in qualche intervento che ci permetta di sfuggire alle conseguenze della nostra codardia collettiva, della nostra compiacente, intenzionale ignoranza e, soprattutto, della nostra mancanza di un profondo impegno a favore della democrazia liberale. Come ha detto l’uomo, usciremo non con il botto ma con un piagnucolio.