Coronavirus ora contagia più le donne (51%). Ma uccide sempre più gli uomini (63%)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Aprile 2020 8:45 | Ultimo aggiornamento: 25 Aprile 2020 8:45
Coronavirus, ora contagia più donne (51%). Ma uccide sempre più uomini (63%)

Coronavirus, ora contagia più donne (51%). Ma uccide sempre più uomini (63%) (Foto Ansa)

ROMA – Coronavirus, ora contagia più donne (51%), ma uccide sempre più uomini (63%)

Si diceva infatti che il coronavirus infettasse più gli uomini, e di fatto era così, ma tutto si è ribaltato all’inizio di aprile.

Prima i maschi erano i più colpiti, con 59 mila casi rappresentavano infatti il 54% dei positivi.

Poi in una ventina di giorni di questo mese, secondo l’Istituto superiore di sanità, c’è stata una netta prevalenza di donne, che ora sono il 51,4% delle persone colpite dall’inizio dell’epidemia.

Il tutto, mentre la mortalità resta ampiamente sbilanciata dalla parte degli uomini, tra i quali c’è stato il 63,3% dei decessi.

Del resto, è stato chiaro fin da subito come il coronavirus provocasse danni maggiori ai maschi.

Coronavirus, il 60% dei pazienti perde l’olfatto.

Oltre il 60% dei pazienti affetti da coronavirus perde completamente l’olfatto. E una percentuale ancor più elevata, l’88% soffre di un certo grado di alterazione del gusto

Lo evidenzia uno studio multicentrico pubblicato sulla rivista European Archives of Oto-Rhyno-Laryngology.

La ricerca è coordinata dal Prof. Cosimo de Filippis, direttore della Scuola di Specializzazione in Audiologia e Foniatria dell’Università insieme con il gruppo Young Investigators della Internaziona Federation of Otorhinolaryngology Societies (Yo-Ifos).

In totale, sono stati analizzati 417 pazienti provenienti da 12 ospedali in 4 diversi Paesi (Spagna, Belgio, Francia e Italia), spiega de Filippis.

Dallo studio emerge che il 79% dei soggetti analizzati non presentava sintomi come ostruzione nasale o naso che cola, sintomi comunemente associati ad altre infezioni virali a livello nasale. (Fonti Ansa e Repubblica).