Sergio Marchionne, quale malattia? Sarcoma alla spalla, tumore ai polmoni…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 luglio 2018 20:56 | Ultimo aggiornamento: 25 luglio 2018 21:28
Sergio Marchionne, quale malattia l'ha ucciso? Sarcoma alla spalla, tumore ai polmoni...

Sergio Marchionne, quale malattia? Sarcoma alla spalla, tumore ai polmoni… (foto d’archivio Ansa)

ZURIGO – Sergio Marchionne è morto a 66 anni, lasciando un interrogativo: quale è stata la patologia che si è rivelata letale [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play]? La nuova ipotesi che si fa largo sui giornali online è quella del sarcoma alla spalla. L’altra (che è quella che circola da più giorni) fa riferimento a un tumore, probabilmente ai polmoni. Entrambe le patologie d’altronde possono andare a coinvolgere la spalla.

Alla fine Marchionne è morto per attacco cardiaco, nella clinica di Zurigo dove era stato sottoposto ad un intervento alla spalla destra. Secondo quanto appreso dall’Ansa, complicazioni “inattese” hanno portato ad un arresto cardiaco. Portato in rianimazione, non era attaccato alle macchine in modo sistematico. Lì ha avuto un nuovo attacco cardiaco che lo ha portato a morte naturale.

I sarcomi, scrive Wikipedia, sono tumori maligni del tessuto connettivo, vale a dire del tessuto di sostegno dell’organismo. Pur essendo patologie relativamente rare, e costituendo una minima parte di tutte le neoplasie, essi possono essere classificati in numerosi sottotipi differenti. Tra essi, meno del 5% sono sarcomi dell’apparato genito-urinario in occidente.

La prognosi di queste neoplasie varia a seconda delle dimensioni del tumore primario, del grado istologico della malattia, e della posizione del corpo in cui essa si sviluppa, ed infine della presenza di metastasi a distanza al momento della diagnosi. I sarcomi non derivano da corrispettivi tumori benigni ma nascono come tali, metastatizzano principalmente per via ematica, ma in alcuni casi presentano anche una diffusione linfatica dovuta alle interconnessioni tra i sistemi vascolare e linfatico.

E proprio per ridurre questo sarcoma (che si manifesterebbe attraverso lividi ed ematomi), Marchionne avrebbe programmato l’intervento al Universitätsspital di Zurigo, dove in seguito è deceduto.

Secondo l’altra ipotesi, quella del tumore al polmone, la massa cancerogena si sarebbe espansa fino ad aggredire la spalla. E c’è chi sostiene che questo intervento abbia alto rischio di recisione della aorta, motivo per cui il paziente potrebbe finire in paralisi cerebrale (il coma).