Vaccino non basta. Mascherine e distanziamento per almeno un anno, la ricetta inglese che vale anche in Italia

di Giampaolo Scacchi
Pubblicato il 14 Febbraio 2021 - 18:11| Aggiornato il 15 Febbraio 2021 OLTRE 6 MESI FA
Vaccino non basta. Mascherine e distanziamento per almeno un anno, la ricetta inglese che vale anche in Italia

Vaccino non basta. Mascherine e distanziamento sociale, almeno per un altro anno. Lo riferisce Giampaolo Scacchi in base a quanto sostiene il prof. Neil Ferguson, che ha svolto un ruolo chiave nella definizione del primo lockdown britannico. E che si fece beccare in flagrante: fuggì di nascosto per un incontro d’amore con la fidanzata.

La cura è mirata per gli inglesi, ma vale anche per noi  italiani, di fronte al continuo emergere di nuove varianti covid, alias coronavirus.

Vaccino non basta: in Gb restrizioni fino a dopo l’estate

Ferguson, secondo quanto riportato dal Sun, ha affermato che nonostante il lancio del vaccino, nel Regno Unito le restrizioni potrebbero andare avanti ben oltre l’estate.

L’epidemiologo ha spiegato che l’attuale lancio del vaccino avrà “un impatto molto importante sui decessi”, ma “per affrontare le nuove varianti” sarà necessario un altro tipo.

Ferguson, il vaccino non basta

Parlando dei progressi fatti nella vaccinazione, a Sky News ha detto che ciò “non ci permetterà di tornare alla normalità, certamente non fino all’autunno”.

Ferguson ha aggiunto:”Ci saranno delle nuove situazioni che ora non possiamo prevedere con precisione, come il calo dell’immunità o nuove varianti, il che significa che per gran parte di quest’anno ci sarà ancora necessità di mantenere il distanziamento sociale e indossare la mascherina”.

Il “professor lockdown”, che l’anno scorso si è dimesso dal SAGE  (Scientific Advisory Group for Emergencies) per aver violato le restrizioni Covid – aveva incontri clandestini con l’amante –  ha aggiunto che alcune misure potrebbero essere ancora in vigore nel 2022, ma entro il prossimo anno la situazione inizierà a rientrare nella normalità.

Ha spiegato:”Forse dovremo ancora indossare la mascherina negli assembramenti e cose di questo tipo, ma dubito fortemente che la situazione sarà come quella attuale”.

Anche Tim Spector, docente di epidemiologia genetica al King’s College London, di recente ha affermato che nonostante il vaccino, rimarranno validi il distanziamento sociale e le mascherine, anche una volta abolite le attuali restrizioni.

Nel frattempo i ministri stanno iniziando a elaborare dei piani che allentino il lockdown a partire dall’8 marzo.

Fatto confermato dal Primo Ministro Boris Johnson il quale ha sottolineato che sta adottando un “approccio cauto” e nulla sarà revocato prima di quella data.

Una fonte del governo ha riferito:”Il Premier ha detto chiaramente che il primo passo riguarderà la riapertura delle scuole”.