Amedeo Minghi: “Parlo con mia moglie morta, è a tutti i miei…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 marzo 2018 7:30 | Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2018 16:07
Amedeo Minghi: "Parlo con mia moglie morta, è a tutti i miei concerti"

Amedeo Minghi (Foto ANSA)

ROMA – “Parlo con mia moglie morta“: a dirlo è Amedeo Minghi nel corso di un’intervista con il settimanale Diva e Donna a firma di Giancarlo Dotto.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Minghi e Elena Paladino sono stati legati per oltre 40 anni, fino al momento in cui lei è morta improvvisamente nel sonno il 7 gennaio 2014.

Ci parlo, la saluto, lei sta con me più di prima – specifica Amedeo Minghi – Sono credente. Prima, quando era viva, non veniva a tutti i miei concerti, ora c’è sempre“.

Cosa gli manca più di lei? “Si resta soli, una solitudine immensa, nonostante la fortuna di avere figli e nipoti. La stanza da letto. Dormirci da solo è difficile, c’è sempre un occhio che va di là nel vuoto. La notte svegliarsi, girarsi e andare a fare una carezza a chi non c’è più”.

Elena l’ha lasciato nel sonno. Si sono addormentati insieme e la mattina lei non si è più svegliata.

La morte nel sonno è la morte degli angeli – precisa il concorrente di Ballando con le stelle – Per chi muore è la migliore. Per chi vive, lo strazio è grande. Nel caso mio, non ha fine. C’è questa cosa cosa sospesa, incomprensibile e inaccettabile. Dopo 40 anni insieme. E adesso? Cosa faccio? Cosa succede?”.

Le mie figlie mi hanno molto aiutato -sottolinea il cantante – Ci siamo aiutati. La moglie e la mamma che viene a mancare in quel modo drastico. Un’altra vita, improvvisa, che non avevi scelto. Una grande violenza che si perpetua nel tempo e, almeno per me, non risolvibile”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other