Serie A, Palermo-Lazio 5-1: Miccoli segna ed incanta

Pubblicato il 19 Febbraio 2012 22:48 | Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2012 22:49

Edy Reja (LaPresse)

PALERMO, STADIO BARBERA – Serie A, Palermo batte Lazio 5-1 (3-0).

Palermo (4-3-1-2): Viviano 7, E. Pisano 6.5, Silvestre 7, Mantovani 6.5, Balzaretti 6.5, Migliaccio 6, Donati 8, E. Barreto 7 (27′ st Bertolo sv), Ilicic 6, Miccoli 7 (33′ st Della Rocca sv), Budan 6.5 (18′ st Vasquez sv). (33 Tzorvas, 6 Munoz, 20 Acquah, 16 Zahavi). All.: Mutti 8.

Lazio (3-5-2): Marchetti 5.5, Zauri 4.5, Ledesma 4, Dias 4, A.R. Gonzalez 5, Hernanes 5.5 (33′ st Scaloni sv), Matuzalem 5, Candreva 4, Lulic 5.5, Alfaro 4 (21′ st Mauri sv), Klose 6 (1′ st Kozak 6). (1 Bizzarri, 13 Sbraga, 14 Garrido, 41 Zampa). All.: Reja 5.

Arbitro: De Marco di Chiavari 5.5.    Reti: nel pt 10′ E. Barreto, 20′ Donati, 42′ Silvestre; nel st 2′ Budan, 6′ Miccoli, 40′ Kozak.     Angoli: 3-2 per la Lazio.    Recupero: 1′ e 2′.    Espulso: nel st 30′ Dias per doppia ammonizione, 39′ Reja per proteste.

Ammoniti: Dias, Matuzalem e Candreva per gioco falloso.      Spettatori: 18.364, per un incasso di 237.375,00.

** I GOL **    – 10′ pt: fallo laterale dalla destra di Pisano, colpo di testa di Migliaccio verso Miccoli che, piazzato spalle alla porta ai 16 metri in posizione centrale, controlla di petto e serve Barreto che calcia di destro un rasoterra imparabile per Marchetti. Il pallone va a depositarsi nell’angolo basso alla destra del portiere.

– 20′ pt: Donati riceve sulla sinistra da Balzaretti e, dopo una piccola veronica, fa partire una gran botta dall’altezza dello spigolo dell’area, mandando il pallone a insaccarsi nell’angolo a mezz’altezza alla sinistra di Marchetti.    – 42′ pt: punizione dalla destra di Miccoli e incornata vincente di Silvestre, a pochi metri dalla linea di porta. Nulla da fare per Marchetti.

– 2′ st: Barreto lancia Budan, che entra in area dalla sinistra e batte Marchetti in uscita.

– 6′ st: Ilicic incrocia per Miccoli (forse in leggero fuorigioco), che entra in area dalla sinistra e batte Marchetti in uscita con un perfetto diagonale.     – 40′ st: Kozak, forse aiutandosi con una mano, segna il gol della bandiera, sugli sviluppi di un’azione confusa, avviata da Matuzalem.