Serie A, Empoli-Sampdoria 1-1: Eto’o ha risposto a Pucciarelli

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 Maggio 2015 18:15 | Ultimo aggiornamento: 24 Maggio 2015 18:19
L'Empoli si congeda dal suo pubblico con un'altra lezione al 'Castellani'. A farne le spese la Sampdoria che cercava in Toscana tre punti per continuare a sperare nella qualificazione Uefa. Invece il club del presidente Ferrero non potrà più trovare sul campo l'Europa: la classifica parla chiaro, in caso di arrivo alla pari con la Fiorentina - che hanno una gara in meno - i viola sono in vantaggio negli scontri diretti. A questo punto si profila un derby a distanza, diciamo così: solo sperando in una estromissione del Genoa dall'Europa League, per il caso-licenza Uefa, la Sampdoria potrà essere qualificata. Sicuramente i blucerchiati hanno fatto davvero poco per agguantare l'Europa League, merito di un Empoli davvero eccezionale che raccoglie solo un punto ma che ha dominato dall'inizio alla fine, poi nei minuti di recupero la classe di Samel Eto'o ha fatto la differenza portando al pareggio i liguri. I primi pericoli per Viviano arrivano subito nei primi minuti: dopo qualche secondo incornata di Rugani su corner stoppata, poi Maccarone viene frenato in area. Al 3' arrivano una clamorosa traversa di Vecino con un destro da fuori area. Sempre l'uruguaiano al 31' sugli sviluppi del corner, un altro destro potente del centrocampista che Viviano blocca in due tempi. Al 36' arriva la prima vera occasione della Samp con Muriel, il colombiano prova il cross al centro, Bassi blocca la sfera. Sullo 0-0 Maccarone spreca al 39' una occasione cristallina: Croce con un tacco libera Hjsay che va al cross dove l'attaccante da pochi metri calcia alto. Il gol arriva solo nella ripresa ed è un vantaggio meritatissimo: Maccarone serve in profondità Pucciarelli che controlla e di piatto destro infila Viviano in diagonale: per il giovante attaccante pisano il gol arriva dopo l'ultima segnatura che risale al 5 ottobre 2014. La Samp va vicina al pareggio con Correa, al 31', appena entrato: l'argentino servito da Muriel calcia ma trova ancora un super Bassi che respinge con i piedi da pochi passi. Dalla parata nasce il contropiede di Zielinski che non serve il solissimo Maccarone ma calcia a rete, la palla è di poco fuori. Al 40' i blucerchiati vanno vicinissimo al pari con un colpo di testa di De Silvestri svetta su corner, ancora Bassi para benissimo. Altre due occasioni per i liguri che spingono molto, ma il pari arriva solo nel recupero con Eto'o: il suo tiro da fuori area sorprende Bassi a fil di palo. Un pareggio inutile per la Samp che come detto deve attendere le carte bollate della Uefa per capire se potrò giocare in Europa il prossimo anno. Per gli azzurri saluto e applausi dei tifosi con cori per Sarri dopo la splendida annata culminata con la salvezza.

Sarri nella foto LaPresse

EMPOLI, STADIO CASTELLANI – Empoli-Sampdoria 1-1, gol: Pucciarelli 57′ e Samuel Eto’o 91′.

L’Empoli si congeda dal suo pubblico con un’altra lezione al ‘Castellani’. A farne le spese la Sampdoria che cercava in Toscana tre punti per continuare a sperare nella qualificazione Uefa. Invece il club del presidente Ferrero non potrà più trovare sul campo l’Europa: la classifica parla chiaro, in caso di arrivo alla pari con la Fiorentina – che hanno una gara in meno – i viola sono in vantaggio negli scontri diretti. A questo punto si profila un derby a distanza, diciamo così: solo sperando in una estromissione del Genoa dall’Europa League, per il caso-licenza Uefa, la Sampdoria potrà essere qualificata.

Sicuramente i blucerchiati hanno fatto davvero poco per agguantare l’Europa League, merito di un Empoli davvero eccezionale che raccoglie solo un punto ma che ha dominato dall’inizio alla fine, poi nei minuti di recupero la classe di Samel Eto’o ha fatto la differenza portando al pareggio i liguri. I primi pericoli per Viviano arrivano subito nei primi minuti: dopo qualche secondo incornata di Rugani su corner stoppata, poi Maccarone viene frenato in area. Al 3′ arrivano una clamorosa traversa di Vecino con un destro da fuori area. Sempre l’uruguaiano al 31′ sugli sviluppi del corner, un altro destro potente del centrocampista che Viviano blocca in due tempi. Al 36′ arriva la prima vera occasione della Samp con Muriel, il colombiano prova il cross al centro, Bassi blocca la sfera.

Sullo 0-0 Maccarone spreca al 39′ una occasione cristallina: Croce con un tacco libera Hjsay che va al cross dove l’attaccante da pochi metri calcia alto. Il gol arriva solo nella ripresa ed è un vantaggio meritatissimo: Maccarone serve in profondità Pucciarelli che controlla e di piatto destro infila Viviano in diagonale: per il giovante attaccante pisano il gol arriva dopo l’ultima segnatura che risale al 5 ottobre 2014. La Samp va vicina al pareggio con Correa, al 31′, appena entrato: l’argentino servito da Muriel calcia ma trova ancora un super Bassi che respinge con i piedi da pochi passi. Dalla parata nasce il contropiede di Zielinski che non serve il solissimo Maccarone ma calcia a rete, la palla è di poco fuori. Al 40′ i blucerchiati vanno vicinissimo al pari con un colpo di testa di De Silvestri svetta su corner, ancora Bassi para benissimo. Altre due occasioni per i liguri che spingono molto, ma il pari arriva solo nel recupero con Eto’o: il suo tiro da fuori area sorprende Bassi a fil di palo.

Un pareggio inutile per la Samp che come detto deve attendere le carte bollate della Uefa per capire se potrò giocare in Europa il prossimo anno. Per gli azzurri saluto e applausi dei tifosi con cori per Sarri dopo la splendida annata culminata con la salvezza. Foto LaPresse.