Vincenzo Nibali si prende le Alpi, Egan Bernal il Tour de France

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Luglio 2019 17:29 | Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2019 17:29
vincenzo nibali egan bernal tour de france

Vincenzo Nibali ha vinto la tappa odierna del Tour de France (foto Ansa)

VAL THORENS – Vincenzo Nibali ha vinto per distacco la 20/a e penultima tappa del 106/o Tour de France di ciclismo, da Albertville a Val Thorens, lunga solo 59,5 chilometri dopo la riduzione del percorso a causa del maltempo. Il colombiano Egan Bernal ha ipotecato il successo della corsa francese, confermandosi in maglia gialla prima dell’ultima tappa in programma domani da Rambouillet a Parigi, di 128 chilometri.

Vincenzo Nibali, ecco chi è il vincitore della penultima tappa del Tour de France. 

Vincenzo Nibali è un ciclista su strada italiano che corre per il team Bahrain-Merida. Professionista dal 2005, viene considerato uno dei più completi e polivalenti ciclisti della sua generazione: è un corridore completo, in grado di vincere sia le grandi corse a tappe che le grandi classiche di un giorno.

Ha doti da passista-scalatore e si difende bene a cronometro, oltre a essere un forte discesista. È uno dei sette ciclisti (il secondo italiano dopo Felice Gimondi) ad aver conquistato almeno un’edizione di tutti i tre Grandi Giri, avendo vinto la Vuelta a España 2010, i Giri d’Italia 2013 e 2016 e il Tour de France 2014.

È anche uno dei quattro corridori (insieme a Merckx, Hinault e Gimondi) ad aver vinto i tre Grandi giri e due classiche monumento diverse: si è infatti aggiudicato il Giro di Lombardia due volte, nel 2015 e nel 2017 e una Milano-Sanremo, nel 2018.

A queste grandi vittorie si aggiungono due campionati italiani in linea, nel 2014 e nel 2015, e due Tirreno-Adriatico, nel 2012 e 2013. In totale è salito undici volte sul podio dei tre grandi giri.

Fin da dilettante è soprannominato “lo Squalo dello Stretto” o più semplicemente “lo Squalo” per il suo modo di correre sempre all’attacco e per le sue origini messinesi. Ha un fratello minore, Antonio, anch’egli ciclista professionista e suo compagno di squadra alla Bahrain-Merida (fonti Ansa e Wikipedia).