Isola dei Famosi, Grasso contro Parietti e D’Eusanio. Corona-Fogli, tutti moralisti ma…

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 7 Marzo 2019 9:03 | Ultimo aggiornamento: 7 Marzo 2019 13:32
Isola dei Famosi, Aldo Grasso contro Parietti e D'Eusanio. Corona-Fogli, tutti moralisti ma...

Isola dei Famosi, Grasso contro Parietti e D’Eusanio. Corona-Fogli, tutti moralisti ma…

ROMA – Aldo Grasso, noto critico televisivo del Corriere della Sera, ha attaccato Alba Parietti e Alda D’Eusanio, opinioniste dell’Isola dei Famosi. Queste le parole di Grasso: “Non basta dissociarsi, dovete abbandonare la trasmissioni, altrimenti siete complici”. Complici di cosa? Dell’ormai celeberrimo intervento di Fabrizio Corona, che in un video messaggio ha detto a Riccardo Fogli (concorrente del reality) che la moglie (Karin Trentini) lo tradisce con un suo amico (suo di Corona, Giampaolo Celli) e che lui (sempre Corona) ha le prove del tradimento.

Fogli durante la messa in onda del video ha retto (bisogna ammettere molto dignitosamente), prima di lasciarsi andare a un pianto sfrenato, nonostante la difesa d’ufficio nei confronti della sua donna. Ma la cosa non è finita lì, perché la decisione di mandare in onda questo filmato ha provocato un piccolo terremoto: critiche unanimi ricevute in primis dai big della tv (una su tutte Barbara D’Urso, le cui trasmissioni sono basate proprio sullo svisceramento dei sentimenti e delle emozioni dei suoi ospiti) e la decisione di Mediaset di allontanare i responsabili del progetto. Anche la Parietti e la D’Eusanio non hanno risparmiato critiche a Corona, ed è questo il punto su cui Grasso ha costruito la sua accusa: non bastano le parole, dovete andarvene per dimostrare di essere schifate da tutto questo.

Grasso ha ragione? Secondo me no. Perché si confonde il piano etico con quello dello spettacolo televisivo o infotainment (da qualche anno questa parola va molto di moda). Chi vede l’Isola dei Famosi non si aspetta certo un dibattito sulla morale nel terzo millennio o sulle opportunità di una tv più eticamente sostenibile. Chi vede l’Isola vuole proprio questo: gossip e scandali sui partecipanti, il tanto amato spetteguless. E Corona (che piaccia o no) rappresenta al meglio questo palcoscenico.

Si può discutere poi se sia stata giusta o meno la modalità di messa in onda del messaggio: trattandosi di un filmato registrato e non di diretta, la scelta è stata degli autori del programma. Per questo bisogna rispettare la decisione successiva di Mediaset, quella di allontanare i responsabili della messa in onda: è legittimo da parte dell’azienda allontanare dipendenti se ritiene che questi abbiano leso l’immagine dell’azienda stessa.

Tornando al caso Corona-Fogli, bisogna anche dire che la storia era già nota da giorni: se ne sono occupati giornali e siti, di gossip e non solo. Chiunque ne parli e ne abbia parlato, lo ha fatto per cavalcare l’onda di una notizia seguita, dibattuta e cliccata. Anche chi si indigna.

Fonte Corriere della Sera.