Mara Venier saluta Antonio Pallante, attentatore di Togliatti, a Domenica In

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 gennaio 2019 20:52 | Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2019 20:52
Mara Venier saluta Antonio Pallante, attentatore di Palmiro Togliatti, a Domenica In

Mara Venier saluta Antonio Pallante, attentatore di Togliatti, a Domenica In

ROMA – Mara Venier, in diretta a Domenica In, saluta Antonio Pallante, attentatore di Palmiro Togliatti. Il Pd attacca la conduttrice Rai e lei si scusa, difendendo la propria buona fede: “Io ho soltanto salutato una persona molto anziana, di 99 anni. Chiedo scusa se qualcuno si è risentito. Sono molto dispiaciuta, ma vorrei fosse chiaro che la politica non c’entra nulla. Sono una persona molto spontanea”.

“Quello che è accaduto questo pomeriggio nel corso della trasmissione ‘Domenica In’ ha dell’incredibile. Anzi, del vergognoso. Mara Venier, a seguito della presentazione del libro di Stefano Zurlo, si è tranquillamente permessa di salutare il fascista Antonio Pallante”. A gridare allo scandalo è il consigliere regionale Pd nel Lazio, Emiliano Minnucci: “Un fatto di gravità inaudita soprattutto perché si è consumato nella rete di punta della nostra tv di stato. Mi auguro che i vertici RAI prendano immediatamente le distanze condannando l’accaduto in maniera seria e determinata”. 

“Stiamo parlando – ricorda – di un fascista che nel ’48 attentò alla vita di Togliatti, trascinando l’Italia sull’orlo della guerra civile con manifestazioni violente in tutto il paese che portarono alla morte di decine di persone. La Tv di stato non può essere questo”.

“Oggi a ‘Domenica in’, un tempo glorioso programma di punta della Rai, i telespettatori hanno dovuto assistere alla sconcertante scena della conduttrice Mara Venier che, in conclusione della presentazione di un libro di Stefano Zurlo sull’attentato a Togliatti, si è lanciata in un empatico saluto via etere ad Antonio Pallante, che del leader comunista e padre costituente fu l’attentatore e per questo tentato omicidio che ha rischiato di precipitare l’Italia nella guerra civile è stato condannato a diversi anni di carcere. È inquietante e gravissimo che che sia potuto accadere un tale episodio”. Così in una nota Francesco Verducci, senatore Pd della Vigilanza Rai e vicepresidente della commissione Cultura.

“Pallante – continua Verducci – è simbolo e artefice di una delle più drammatiche vicende della nostra Repubblica. Vederlo ‘sdoganare’ da Rai1 nel contenitore nazionalpopolare per eccellenza è una pagina miserevole per il servizio pubblico e per il nostro Paese. Chiediamo alla direttrice di Rai1 Teresa De Santis, all’amministratore delegato Fabrizio Salini e al cda di intervenire per chiarire come sia potuta avvenire una tale enormità e scempiaggine, per riparare questo torto e chiedere scusa agli italiani”.

“Apprendo: a Domenica In su Rai1, la conduttrice, al termine della presentazione di un libro sull’attentato a Togliatti avvenuto nel 1948, manda un ‘saluto a Antonio Pallante che ci segue da casa’. E’ sconcertante”. E’ la stessa Rita Borioni, componente del Cda Rai, in quota Pd, a specificare che quello spettatore è l’uomo che attentò alla vita del segretario Pci.

“E’ sconcertante – prosegue Borioni, dalla propria pagina Facebook – che non si sappia che Togliatti rischiò di morire, che l’Italia rischiò la guerra civile e che fu solo per la responsabilita’ dello stesso Togliatti che si evitarono disordini”. “E’ sconcertante – sottolinea – come si scelga di buttare tutto ‘in caciara’ e come un attentatore e potenziale assassino sia salutato come se fosse un simpatico telespettatore qualsiasi. Sono molto preoccupata per quello che sta succedendo in Rai. Molto preoccupata”.