Sophia Loren a Raffaella Carrà: “Quando Carlo Ponti mi invitò nel suo ufficio”

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 11 Aprile 2019 23:33 | Ultimo aggiornamento: 24 Luglio 2019 11:08

ROMA – Sophia Lorena è l’ospite della nuova puntata, la seconda, di “A raccontare comincia tu…”, il programma di interviste stile “salotto di casa”, condotto da Raffaella Carrà su Rai Tre. La puntata è centrata su Sophia Loren, sui suoi esordi, sui primi concorsi di bellezza a cui l’attrice napoletana ha partecipato e sul suo grande amore: il marito Carlo Ponti.

La Loren racconta che “hanno coniato per me il titolo di Miss Eleganza, perché dicevano che ero carina e dovevo aspettarmi un piccolo titolo che non poteva però essere Miss Italia”. 

La Carrà a questo punto le chiede cosa significhi per lei la parola eleganza. La Loren risponde: “Per me l’eleganza, le donne quelle fantastiche ce l’hanno già dentro. Io mi arrangiavo a fare tutto, perché non sapevo fare niente. Però piano piano imparavo, assorbivo come una spugna. Ancora oggi ho voglia di fare, di imparare…”.

Nella puntata si parla di Vittorio De Sica e di un presunto innamoramento di Cary Grant che avrebbe addirittura voluto sposare la Loren. Raffaella Carrà chiede però del marito Carlo Ponti, il grande amore della Loren. I due si sono conosciuti quando lei aveva 16 anni. Racconta la Loren: “Io e Carlo Ponti ci siamo conosciuti ad un concorso di bellezza a Roma. Eravamo in un night club, mi sono seduta al tavolo, stavo mangiando e mi arrivò questo bigliettino se volevo partecipare a questo concorso. Nella giuria c’era lui, Carlo”.

La Loren prosegue nel racconto: “Io sono arrivata seconda. Allora cominciammo a parlare e lui mi invitò nel suo ufficio. Io credevo fosse una sola, anche perché vidi che in quella via c’era la stazione della polizia. Poi però non era così”.  

Fonte: Rai Tre