La vedova Borsellino: “Paolo mi accennò alla trattativa mafia-Stato”

Pubblicato il 16 Marzo 2012 0:16 | Ultimo aggiornamento: 16 Marzo 2012 1:31

PALERMO – ”Paolo mi ha accennato che c’era una trattativa tra la mafia e lo Stato. Dopo la strage di Capaci mi disse che c’era un colloquio tra mafia e pezzi infedeli dello Stato. Questo e’ accaduto a meta’ giugno”.

E’ la drammatica testimonianza resa dalla vedova del giudice Paolo Borsellino, Agnese, ai pm di Caltanissetta, che hanno riaperto le indagini sulla strage di via D’Amelio. L’audio dell’interrogatorio e’ stato mandato in onda durante la trasmissione di Santoro Servizio pubblico. La vedova, come gia’ emerso, ha raccontato che il marito, sconvolto, le parlo’ di contiguita’ tra pezzi dello Stato e la mafia e le disse di avere saputo che l’ex capo del Ros, Antonio Subranni, era ”punciuto” (uomo d’onore, ndr).

”Paolo mi disse – ha raccontato la donna – ‘mi uccidera’ la mafia ma solo quando altri glielo consentiranno”’.