Migranti morti su una zattera al largo della Libia: almeno 15 cadaveri a bordo. Il video di Libya Observer 

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 Ottobre 2021 15:16 | Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2021 15:16
Migranti morti su una zattera al largo della Libia: almeno 15 cadaveri a bordo. Il video di Libya Observer 

Migranti morti su una zattera al largo della Libia: almeno 15 cadaveri a bordo. Il video di Libya Observer 

Quindici migranti sono morti nel tentativo di attraversare il Mar Mediterraneo in un naufragio al largo della Libia. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), i migranti non sarebbero morti annegati, come si era detto in un primo momento, ma forse “soffocati a causa delle esalazioni di carburante”.

“Ancora non lo sappiamo, aspettiamo di avere notizie”ha detto Flavio Di Giacomo, portavoce dell’Ufficio di coordinamento per il Mediterraneo dell’Oim. “Questo tipo di decessi in genere avvengono soprattutto quando si trovano rinchiusi in stive senza finestre”, ha aggiunto di Giacomo, riferendosi al video rilanciato dal sito del Libya Observer che riportiamo di seguito.

Migranti morti, l’ipotesi: disidratazione o asfissia da esalazioni di carburante

In alcuni casi subentra anche “la disidratazione” e la “pressione quando la barca è troppo piena”, ha ricordato ancora il portavoce Oim: “Di fatto, sono cause di morte dovute a un periodo troppo lungo passato in mare in condizioni pericolosissime e difficili. Per questo spesso diciamo che bisogna salvare subito le persone in mare, non appena lanciano un Sos”.

“Le condizioni di viaggio sono insostenibili e, anche quando non ci sono naufragi, le persone a bordo possono morire a cause delle terribili condizioni nelle quali sono poste dai trafficanti”, ha concluso Di Giacomo.  

Il naufragio al largo della Libia

I migranti morti, parte di un gruppo di 192 persone, “erano partiti da Zuara e Al Khoms la notte prima”, ha spiegato l’Unhcr (Alto commissariato Onu per i rifugiati). “A 177 sopravvissuti sono stati forniti aiuti”, viene aggiunto precisando che “alcuni (…) necessitavano di assistenza medica urgente”, ha aggiunto l’Unhcr.

Migranti morti: i numeri del 2021

Secondo il più recente bollettino pubblicato dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), sulla “rotta mediterranea centrale”, quella che dalla Libia porta all’Italia, quest’anno sono stati contati 474 morti e 689 dispersi a fronte dei 381 decessi e 597 persone scomparse dell’intero 2020.

I migranti riportati in Libia fino al 9 ottobre sono stati 26.314, calcola ancora l’Oim ricordando che nei 12 mesi dell’anno scorso erano stati 11.891.