Sudafrica, tenta di rapire bambina di 4 anni al ristorante: la mamma e il proprietario lo bloccano VIDEO

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 14 Settembre 2020 12:40 | Ultimo aggiornamento: 14 Settembre 2020 12:40
sudafrica, tentato rapimento

Sudafrica, tenta di rapire bambina di 4 anni al ristorante: la mamma e il proprietario lo bloccano

Sudafrica, uomo tenta di rapire una bambina di 4 anni che è seduta con la mamma ai tavolini di un ristorante. 

Sudafrica, tenta di rapire una bambina di 4 anni che è seduta con la madre in uno dei tavolini all’aperto di un ristorante.

Le immagini di quanto accaduto sono state riprese da una telecamera e sono finite su Twitter e poi su YouTube 

L’uomo, un 24enne, ha superato la balaustra con un salto ed ha afferrato la bambina per la gola.

Come si vede nel video, la mamma ha acompreso subito quello che stava accadendo e si è allungata sul tavolo pur di proteggere la figlia.

Tenta di rapire bambina al ristorante: il proprietario blocca a terra il malvivente

Il proprietario del ristorante non ci ha pensato due volte ed è intervenuto bloccando il malvivente a terra fino all’arrivo della Polizia.

L’uomo è stato arrestato per tentato rapimento e processato per direttissima.

Ostia, tre donne rom tentano di rapire due bambine in mare

Qualcosa di simile sarebbe accaduto anche in Italia molto recentemente.

Secondo quanto riferisce Raffaella Troilli sul Messaggero, due donne rom avrebbero avvicinato due bambine di 9 e 10 anni in mare, a Ostia, Roma, con il tentativo di rapirle.

Questo strano episodio avvenuto lunedì 24 agosto davanti allo stabilimento Village del litorale romano. 

le tre donne, probabilmente di etnia rom, sono entrate in acqua solo con la biancheria intima e si sono avvicinate alle due bambine che giocavano con un gonfiabile.

Come racconta il padre, “(…) abbiamo notato che [le bambine] si allontanavano un po’ troppo con il canotto, trascinate verso la vicina spiaggia libera da tre donne, presumibilmente rom, entrate in acqua indossando la biancheria intima”.

“Tentavano di convincerle a seguirle, prima con un bimbo piccolo come esca, poi con la scusa di un gioco divertente da fare insieme” (fonte: