Berlusconi, Feltri e il cardinal Bertone

Pubblicato il 28 Agosto 2009 21:19 | Ultimo aggiornamento: 28 Agosto 2009 21:19

MI170908VAR_0018Vittorio Feltri, nuovo direttore del Giornale fortemente voluto dall’editore Berlusconi, ha sferrato un duro attacco contro il direttore del quotidiano cattolico Avvenire accusando di aver patteggiato sei mesi di condanna per aver minacciato la moglie del suo amico e forse compagno di vita. Boffo ha risposto e ha parlato di killeraggio politico e mediatico.

L’editore Berlusconi, qualche ora dopo, ha comunicato che non avrebbe partecipato alla processione della Perdonanza all’Aquila dove avrebbe incontrato il cardinal Bertone, forse proprio per implorare il perdono. Non contento ha anche preso le distanze da Feltri invocando il sacro rispetto della vita privata.

La stessa sceneggiata, pari pari, si era registrata quando alcuni giornali di famiglia avevano pubblicato le foto giovanili della moglie Veronica a seno nudo.

Meglio, molto meglio Vittorio Feltri che tira la pietra e mostra la mano, che questo piccolo presidente che prima crea un clima di odio e di intolleranza e poi si mette a piagnucolare invocando il perdono e la perdonanza.