Poliomielite e varicella, un medico lancia l’allarme sul rischio a New York, colpa degli immigrati dal Messico?

di Marco Benedetto
Pubblicato il 7 Gennaio 2024 - 14:02
Poliomielite e varicella, un medico lancia l'allarme sul rischio a New York, colpa degli immigrati dal Messico?

Poliomielite e varicella, un medico lancia l’allarme sul rischio a New York, colpa degli immigrati dal Messico?

Poliomielite e varicella, un medico lancia l’allarme sul rischio a New York in seguito alla crisi dei migranti.

Secondo il dottor Marc Siegel, professore clinico di medicina presso il NYU Langone Medical Center c’è un rischio crescente di poliomielite dopo l’afflusso di migranti negli Stati Uniti nell’ultimo anno. I migranti non vaccinati hanno alimentato un aumento di malattie come la varicella.

Nei primi 11 mesi del 2023, almeno 2.953.676 migranti hanno attraversato il confine sud-occidentale o settentrionale degli Stati Uniti, secondo i dati della U.S. Customs and Border Protection (CBP). 

Secondo il dottor Siegel, la crisi al confine tra Stati Uniti e Messico può anche significare un aumento dei casi di polio a causa dei migranti non vaccinati.

“Metà dei migranti non è vaccinata contro la polio. Nello Stato di New York si è verificato il primo caso di polio dagli anni Settanta. Le acque reflue di New York sono ora cariche di polio e anche se si è fatto il vaccino contro la polio si può essere ancora portatori di polio. Guardo alla storia attraverso una lente medica e riconosco che si tratta di un’emergenza di sicurezza nazionale al confine, ma anche di un’emergenza di salute pubblica”.

Nel 2022 è stato rilevato il primo caso di polio a New York dal 1990. Secondo il Dipartimento della Salute dello Stato di New York (NYSDOH) e il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC), il virus della poliomielite non solo è stato riscontrato in un adulto non vaccinato della Contea di Rockland, ma è stato anche trovato in diversi campioni di acque reflue provenienti da comunità vicine alla residenza dell’adulto.

Secondo il CDC, alla fine degli anni ’40 negli Stati Uniti più di 35.000 persone rimanevano paralizzate ogni anno a causa della polio. Ma il vaccino del 1955 ridusse drasticamente la diffusione della malattia a meno di 100 casi all’anno entro gli anni ’60.

Il virus era stato anche eliminato dalla popolazione mondiale. Nel 1979 il virus era stato eliminato dagli Stati Uniti, anche se nel corso degli anni sono stati individuati casi sporadici di origine straniera.

I sintomi della poliomielite comprendono affaticamento, febbre, mal di testa, rigidità, dolori muscolari e vomito. La comparsa dei sintomi può richiedere fino a 30 giorni. Può anche portare alla paralisi permanente di braccia e gambe e, in alcuni casi, alla morte.

In una dichiarazione inviata via e-mail a Newsweek, il Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha dichiarato che non sono stati rilevati nuovi casi di poliovirus nelle acque reflue dal febbraio 2023 e nessun altro caso dal 2022.

“Il Dipartimento della Salute dello Stato testa le acque reflue (fognature) per il poliovirus su base regolare e continua e l’ultimo rapporto di sorveglianza delle acque reflue emesso il 1° gennaio 2024 mostra che non ci sono stati nuovi rilevamenti di poliovirus nelle acque reflue dopo un rilevamento del febbraio 2023 nella Contea di Rockland. Inoltre, non si sono verificati altri casi dopo quello annunciato nel luglio 2022”, ha dichiarato il Dipartimento della Salute dello Stato di New York.

Il dottor Siegel, specializzato in medicina interna e che si occupa di patologie come l’influenza, ha anche spiegato che la popolazione non vaccinata si aggiunge a questi problemi di salute pubblica.

“Vediamo emergere la varicella perché le persone si sono vaccinate di meno durante la pandemia, ma quando parlo con il massimo esperto di vaccini del Paese, Paul Offit della Penn, e gli chiedo cosa lo tiene sveglio la notte, pensavo che avrebbe detto un virus bioingegnerizzato, invece ha detto il morbillo. Il morbillo perché 22 milioni di bambini nel mondo non sono stati vaccinati completamente contro il morbillo l’anno scorso”, ha detto.

A causa degli immigrati non vaccinati, quest’anno sono stati identificati quasi 400 casi di varicella a Chicago, con un aumento dei casi nei mesi di novembre e inizio dicembre, secondo l’allarme sanitario pubblicato dal Dipartimento di Sanità Pubblica di Chicago (CDPH) il 15 dicembre. Dal 2005 al 2022, la città ha registrato una media di 53 casi di varicella all’anno.