Atene, sciopero generale: scontri in piazza. La polizia usa i lacrimogeni

Pubblicato il 11 Maggio 2011 14:41 | Ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2011 14:41

ATENE – Ad Atene sono scoppiati disordini durante lo sciopero generale: migliaia di persone oggi sono scese in piazza in concomitanza della mobilitazione, proclamata contro il piano di austerità imposto da Unione Europea e Fondo Monetario Internazionale per cercare di risolvere la grave crisi debitoria che attanaglia il Paese: secondo alcuni testimoni, nel centro della capitale ellenica è dovuta intervenire la polizia in assetto anti-sommossa, con un fitto lancio di lacrimogeni contro decine di manifestanti che protestavano in modo esagitato.

Gli scioperi toccano tutti i settori, in primis quello dei trasporti: i controllori di volo incroceranno le braccia tra le 12 e le 16 ora locale, con la cancellazione prevista di 33 voli interni e un volo per l’estero di Olympic Air e di 13 collegamenti interni della compagnia Aegean. Quasi tutti i traghetti per le isole resteranno in porto, così come i treni nelle stazioni e i mezzi di trasporto urbano nei terminal.

Lo sciopero generale, il secondo dall’inizio dell’anno, dopo altri sette nel 2010, investirà anche le amministrazioni pubbliche, le scuole e gli ospedali. Il Paese resterà anche privo di informazione per 24 ore per l’adesione allo sciopero dell’unione dei giornalisti.

A metà giornata i sindacati Gsee del settore privato e Adedy del settore pubblico organizzeranno una manifestazione ad Atene e Salonicco, per protestare contro gli ulteriori tagli e privatizzazioni imposti al Paese in cambio del salvataggio finanziario da parte dell’Unione europea e del Fondo monetario internazionale.