Brescia: un altro neonato morto, è il quarto nello stesso reparto degli Spedali Civili

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 gennaio 2019 12:47 | Ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2019 18:30
Brescia: un altro neonato morto, è il quarto nello stesso reparto degli Spedali Civili

Brescia: un altro neonato morto, è il quarto nello stesso reparto degli Spedali Civili

ROMA – Sono diventati quattro i casi di neonati deceduti agli Spedali Civili di Brescia nel reparto di terapia intensiva neonatale. Ai tre casi già noti, si è aggiunto anche quello di un neonato morto sabato mattina. Sarebbe stato portato in reparto poco dopo la nascita e non è sopravvissuto. Anche su questo caso l’ospedale bresciano ha disposto accertamenti.

Nel frattempo è stata rinviata di un giorno l’autopsia sul corpo del piccolo Marco, il neonato morto per un’infezione contratta durante il ricovero nel reparto di terapia intensiva neonatale degli Spedali civili di Brescia. L’esame era stato disposto dall’ospedale, ma ora sulla vicenda, dopo il Ministero della Salute e Regione Lombardia, vuole vederci chiaro anche la Procura che ha aperto un’inchiesta senza indagati. Il pubblico ministero Corinna Carrara, titolare del fascicolo, dovrebbe disporre l’autopsia per domani. In mattinata ha ricevuto l’intera cartella clinica del piccolo paziente.

Purtroppo il pm dovrà aggiungere un altro dossier. L’ospedale di Brescia fino a ieri ha continuato a negare qualsiasi ipotesi di epidemia o di semplice relazione tra i decessi. “Non sussiste alcuna relazione tra i tre eventi”, ha spiegato, in una nota, la direzione degli Spedali civili di Brescia. Sotto la lente di ingrandimento è finito lo stesso reparto chiuso l’estate scorsa per un focolaio epidemico di infezione/colonizzazione da Serratia marcescens che aveva ucciso un neonato.

5 x 1000