Sardegna: altro assalto con le armi al latte, camionista legato a un albero il giorno della trattativa

di Dini Casali
Pubblicato il 26 febbraio 2019 9:01 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2019 9:35
Sardegna, altro assalto a camion del latte con le armi, altro sversamento il giorno della trattativa

Sardegna, altro assalto a camion del latte con le armi, altro sversamento il giorno della trattativa

ROMA – Stavolta uomini armati di fucili e travisati in volto hanno lasciato un camionista che trasportava latte legato a un albero: un nuovo assalto armato ad una cisterna del latte, nel Sassarese, è stato compiuto nelle prime ore del mattino. Due uomini armati hanno fermato l’autotrasportatore a Nule, in Provincia di Sassari, e lo hanno costretto a scendere dal mezzo.

Quindi lo hanno legato a un albero prima di appiccare le fiamme al mezzo che è stato parzialmente distrutto. Il blitz arriva nel giorno in cui si apre in prefettura a Sassari il tavolo tecnico sul prezzo del latte.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri della Compagnia di Bono. Il raid è l’ennesimo atto di un’escalation di proteste che stanno “inquinando” la lotta dei pastori sardi per il prezzo del latte. Già diverse procure sarde si stanno occupando di questi e di altri episodi, come il blocco delle autocisterne per far buttare il latte appena raccolto sulla strada, e sono già scattate le prime denunce.

Domenica un attacco dello stesso tipo era avvenuto a Orune in provincia di Nuoro: durante lo svolgimento della votazione per le elezioni regionali, due uomini armati e con il volto coperto hanno bloccato un’autocisterna del latte, costringendo l’autista a scendere e a sversare a terra tutto il contenuto che stava portando al caseificio Pinna di Thiesi (Sassari), uno dei più importanti dell’Isola. I fucili non avevano ancora fatto la loro inquietante comparsa. 

(fonte Ansa)