Usa, battuta razzista di un clown: “Michelle Obama da National Geographic”

Pubblicato il 18 settembre 2012 18:53 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2012 20:13
Michelle Obama

Michelle Obama (Foto Lapresse)

NEW YORK – Michelle Obama ”è da National Geographic”: una battuta razzista ha messo nei guai il clown di un rodeo in California.

La rivista fotografica è associata a immagini di luoghi esotici e animali e la frase sulla First Lady pronunciata da Mike Hayhurst a un altoparlante del diciassettesimo annuale Creston Classic Rodeo ha lasciato il pubblico interdetto. Ci sono stati dei fischi. Tra il pubblico qualcuno ha chiesto al clown pubbliche scuse.

Hayworth, il cui sito web promette ”comicità pulita e per famiglie”, aveva detto che ”mentre a Ann Romney erano stati offerti 250 mila dollari per posare su Playboy, la Casa Bianca era scocciata perché National Geographic pagherebbe solo 50 dollari per la foto di Michelle”.

Il clown è stato costretto a cospargersi il capo di cenere: ”Probabilmente non lo useremo più in futuro”, ha detto uno degli organizzatori.

Non è la prima volta d’altra parte che Michelle Obama finisce al centro di polemiche razziali: la rivista spagnola Fuera de Serie di recente ha ritoccato con la testa della First Lady la schiava ritratta nel 1800 dall’artista francese Marie-Guillemine Benoist nel suo quadro Portrait D’Une Negresse. Come se Michelle fosse in posa con il seno scoperto.

Per il magazine spagnolo la copertina voleva essere un tributo e non un’offesa. Un modo per celebrare l’ascesa di una First Lady discendente da schiavi che ”ha sedotto gli americani” e che ”giocherà un ruolo chiave alle prossime elezioni presidenziali di novembre”. Le ”buone” intenzioni non erano tuttavia riuscite a evitare le polemiche arrivate soprattutto dagli Usa.