Natale di sangue a Gaza, attacchi aerei israeliani, 100 morti, i bombardamenti continuati fino al mattino di Natale

Natale di sangue a Gaza, gli attacchi aerei israeliani hanno ucciso 100 persone, i bombardamenti hanno avuto inizio prima di mezzanotte e sono continuati fino al giorno di Natale lunedì

di Mario Tafuri
Pubblicato il 25 Dicembre 2023 - 11:31
Natale di sangue a Gaza, attacchi aerei israeliani, 70 morti, i bombardamenti continuati fino al mattino di Natale

Natale di sangue a Gaza, attacchi aerei israeliani, 70 morti, i bombardamenti continuati fino al mattino di Natale

Natale di sangue per cristiani e musulmani a Gaza, dove gli attacchi aerei israeliani hanno ucciso almeno 100 persone.

È stata una delle notti più sanguinose dell’enclave assediata della battaglia di Israele con Hamas.

I bombardamenti hanno avuto inizio prima di mezzanotte e sono continuati fino al giorno di Natale lunedì.

Riferiscono Nidal Al-Mughrabi, Bassam Masoud e Dan Williams per l’agenzia Reuters, citando residenti e media palestinesi,  che Israele ha intensificato i bombardamenti aerei e terrestri contro al-Bureij nel centro di Gaza.

Papa Francesco ha lamentato che il messaggio di pace di Gesù sia stato soffocato dalla “futile logica della guerra” proprio nella terra in cui è nato.

Almeno 70 persone sono state uccise in un attacco aereo israeliano contro Maghazi nel centro di Gaza, ha detto il portavoce del ministero della sanità Ashraf Al-Qidra, aggiungendo che molti erano donne e bambini.

L’esercito israeliano ha affermato che sta esaminando il rapporto sull’incidente di Maghazi e che si è impegnato a ridurre al minimo i danni ai civili. Hamas nega l’accusa israeliana di operare in aree densamente popolate o di utilizzare i civili come scudi umani.

La Mezzaluna Rossa palestinese ha pubblicato filmati di residenti feriti trasportati agli ospedali. Ha detto che gli aerei da guerra israeliani stavano bombardando le strade principali, ostacolando il passaggio delle ambulanze e dei veicoli di emergenza.

I medici hanno detto che un attacco aereo israeliano a Khan Younis, nel sud di Gaza, ha ucciso otto palestinesi.

Il clero ha annullato le celebrazioni a Betlemme, la città palestinese della Cisgiordania occupata da Israele, dove la tradizione cristiana dice che Gesù nacque in una stalla 2.000 anni fa.

La stragrande maggioranza dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza è stata costretta ad abbandonare le proprie case e, secondo le Nazioni Unite, le condizioni sono catastrofiche.

Da quando una tregua durata una settimana è crollata all’inizio del mese, i combattimenti si sono solo intensificati sul terreno, con la guerra che si è estesa dal nord della Striscia di Gaza a tutta l’enclave densamente popolata.

L’esercito israeliano ha dichiarato domenica che due dei suoi soldati sono morti il ​​giorno scorso, portando a 158 il numero dei morti dall’inizio delle operazioni di terra il 20 ottobre.

“Questa è una mattinata difficile, dopo una giornata molto difficile di combattimenti a Gaza”, ha detto domenica al suo gabinetto il primo ministro Benjamin Netanyahu. “La guerra ci sta costando molto caro. Tuttavia, non abbiamo altra scelta che continuare a combattere.”

Ha detto in un videomessaggio che le truppe combatteranno più profondamente all’interno di Gaza fino alla “vittoria totale” su Hamas.

Sabato, il capo di stato maggiore militare israeliano ha affermato che le sue forze hanno ampiamente raggiunto il controllo operativo nel nord di Gaza e che espanderanno le operazioni ulteriormente nel sud.

Gli sforzi diplomatici, mediati da Egitto e Qatar, su una nuova tregua per liberare i restanti ostaggi tenuti dai militanti a Gaza hanno prodotto scarsi progressi pubblici, anche se Washington ha descritto i colloqui della scorsa settimana come “molto seri”.

La Jihad islamica ha detto che una delegazione guidata dal leader in esilio Ziad al-Nakhlala era al Cairo domenica. Il suo arrivo fa seguito ai colloqui a cui ha partecipato nei giorni scorsi il capo di Hamas Ismail Haniyeh.

I gruppi militanti hanno detto che non discuteranno del rilascio degli ostaggi a meno che Israele non finisca la guerra a Gaza, mentre gli israeliani dicono che sono disposti a discutere solo una pausa nei combattimenti.