Re Carlo III, la FOTO dell’incoronazione: “Sono qui per servire non per essere servito”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Maggio 2023 - 13:04 OLTRE 6 MESI FA
foto carlo incoronazione

La prima foto di Re Carlo

La prima foto dell’incoronazione di Re Carlo III. Dopo aver ricevuto sul capo la corona è riecheggiato l’urlo “Dio Salvi il Re” (“God save the King”). Il sovrano è stato incoronato nell’abbazia di Westminster con la deposizione sul suo capo della Corona di Sant’Edoardo il Confessore. L’atto si è compiuto dopo l’unzione religiosa con l’olio santo del sovrano (inginocchiato dietro un paravento) e il solenne giuramento nella mani dell’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, di fedeltà alla leggi del Regno, alla Chiesa d’Inghilterra ” e alla sua “fede protestante”. Ma anche di rispetto delle credenze di tutti i suoi sudditi. Prima del giuramento il monarca era stato “presentato” da vari araldi all’assemblea, da cui s’è levata l’invocazione “God Save the King Charles”. 

L’incoronazione di Re Carlo III

Il sovrano, 74 anni, è apparso molto commosso nel momento. Il rito ha rispettato i vari passaggi di una tradizione secolare, con qualche innovazione multiconfessionale. Carlo ha rivolto anche un sorriso al suo primogenito, il principe William, che nei panno di erede al trono lo ha aiutato a indossare la stola e poi a chiudere il gancio della cosiddetta Supertunica reale. Ha quindi ricevuto insegne e indumenti simbolici da dignitari e rappresentanti delle maggiori comunità non cristiane del Regno (musulmana, ebraica, induista e sikh).

Fra le regalia, la spada rituale, l’orb (globo d’oro), nonché i due scettri con la croce e la colomba che il re ha retto fra le mani anche dopo l’incoronazione – immagine plastica della simbologia monarchica – assiso con la corona sull’antico trono medievale di Sant’Edoardo posta sulla Pietra del Destino scozzese sopra il Pavimento Cosmati (opera realizzata nell’abbazia di Westminster da artigiani romani del ‘200).

“Sono qui per servire, non per essere servito”

“Sono qui per servire non per essere servito”: è la formula rituale con cui poi re Carlo, ha risposto, invocando l’esempio “del Re dei Re”, Gesù Cristo, al bambino del coro dell’abbazia di Westminster che lo ha accolto per la solenne liturgia dell’incoronazione. E’ stato quindi l’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, primate della Chiesa anglicana e officiante chiamato a presiedere il rito, a introdurre la cerimonia religiosa con una breve preghiera accompagnato a un appello alla fraternità cristiana, al sostegno reciproco tra i fedeli e tra tutte le persone di buona volontà: “Sua  maestà, come figlio del Regno di Dio, vi accogliamo in nome del Re dei Re”.

Il giuramento

Il nuovo sovrano ha pronunciato il solenne giuramento poggiando la mano sulla Bibbia e di fronte all’arcivescovo di Carterbury Justin Welby: “Io, Carlo, professo solennemente e sinceramente alla presenza di Dio, attesto e dichiaro di essere un fedele protestante e che, secondo il vero intento delle leggi che assicurano la successione protestante al trono, sosterrò e manterrò le suddette disposizioni al meglio delle mie forze secondo la legge” è la formula pronunciata.