Albero di Natale con una piramide di donne nude

Pubblicato il 28 Dicembre 2014 0:11 | Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre 2014 17:06
Albero di Natale con una piramide di donne nude

Albero di Natale con una piramide di donne nude

ROMA – Una piramide di donne, nude come Dio le ha fatte, una sull’altra in una artistica composizione: è una forma un po’ fuori schemi di albero di Natale che circola sul web.

È accompagnata dal ritornello Imagine, di John Lennon, composta nel 1971, il mondo era in piena rivoluzione:

“Puoi dire che sono un sognatore,

Ma io non sono il solo.

Spero che un giorno ti unirai a noi

E il mondo sarà uno…”

Gli altri versi della canzone sono sulla linea:

“Pensa che non ci siano Paesi,

Nessuno da uccidere, nulla per cui morire

E nemmeno religioni

Immagina tutti che viviamo in pace

Immagina che non ci siano proprietà

Mi domando se puoi

Nessun bisogno per avidità o fame

Gli uomini tutti fratelli

Immagina tutti gli uomini che usano il mondo in comune”.

Mentre scriveva e cantava questa bellissima canzone, John Lennon abitava, con la moglie Yoko Ono, in un appartamento di New York davanti a Central Park, uno di quei posti dove se gli altri proprietari non sono d’accordo, non puoi comprar casa nemmeno se metti cento milioni sul tavolo. Davanti a quell’edificio venne ucciso, il 10 dicembre 1980, da Mark David Chapman, il quale disse che era stato Dio a ordinarglielo.