Francia: una spia di Kim Jong Un nel cuore delle istituzioni? Arrestato un alto funzionario del Senato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 novembre 2018 10:38 | Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2018 10:38
Francia: una spia di Kim Jong Un nel cuore delle istituzioni? Arrestato un alto funzionario del Senato

Francia: una spia di Kim Jong Un nel cuore delle istituzioni? Arrestato un alto funzionario del Senato

ROMA – Un alto funzionario del Senato francese è stato arrestato dai servizi di informazione perché sospettato di spionaggio in favore della Corea del Nord: lo ha reso noto una fonte vicina all’inchiesta. L’uomo è stato fermato domenica sera nell’ambito di un’inchiesta aperta a marzo dalla procura di Parigi per “raccolta e consegna di informazioni potenzialmente in grado di recare danno agli interessi fondamentali della Nazione a una potenza straniera”.

Gli inquirenti della Dgsi, i servizi francesi, cercano ora di stabilire se il funzionario, Benoit Quennedey, fra gli amministratori della direzione architettura, patrimonio e giardini del Senato, abbia effettivamente “fornito” informazioni al regime di Pyongyang. Secondo la trasmissione tv Quotidien, che ha dato per prima notizia dell’arresto, l’ufficio di Quennedey al Senato è stato perquisito.

Proveniente dall’Ena (l’università che forma la classe dirigente francese), ex segretario nazionale del Prg (partito radicale di sinistra), presidente dell’associazione di amicizia franco-coreana, Quennedey è spesso ospite in tv e autore di un paio di libri sulla Corea del Nord. Nelle sue apparizioni tv in effetti non ha mai nascosto una certa simpatia per il regime  di Kim Jong Un.