Un esame del sangue può prevedere il rischio infarto entro 6 mesi

di redazione salute
Pubblicato il 21 Febbraio 2024 - 13:30
infarto

Infarto, foto Ansa

Un semplice esame del sangue per aiutare a prevedere la probabilità di avere un infarto entro 6 mesi. Gli attacchi di cuore rappresentano una delle principali cause di morte a livello globale, con un impatto importante sulla vita delle persone e sul sistema sanitario. Tuttavia, potremmo essere un passo avanti nella prevenzione di questa grave condizione. Un nuovo studio condotto dall’Università di Uppsala in Svezia e pubblicato su Nature ha evidenziato la possibilità di utilizzare esami del sangue per prevedere il rischio di un primo attacco cardiaco entro sei mesi, offrendo così la possibilità di adottare misure preventive tempestive.

Esami del sangue come indicatori precoci di infarto

Secondo gli autori dello studio, circa 90 molecole nel sangue potrebbero fungere da biomarcatori di un imminente attacco cardiaco. Questi biomarcatori sono stati identificati analizzando campioni di sangue di oltre 169.000 individui europei privi di precedenti malattie cardiovascolari. Il peptide natriuretico cerebrale, una molecola diuretica prodotta dal cuore stesso come risposta allo sforzo eccessivo, è emerso come uno degli indicatori più forti di un attacco cardiaco imminente.

L’importanza della previsione precoce

La capacità di prevedere un attacco cardiaco con sei mesi di anticipo potrebbe consentire alle persone di adottare misure preventive vitali per proteggere la propria salute. Questo sistema di “allarme precoce” potrebbe offrire il tempo necessario per apportare modifiche allo stile di vita, seguire terapie farmacologiche specifiche o persino sottoporsi a procedure mediche preventive.

Inoltre, i ricercatori stanno lavorando su uno strumento online che utilizza informazioni come il colesterolo LDL e HDL, la circonferenza vita e altri dettagli personali per calcolare la probabilità di un primo attacco di cuore entro sei mesi. Questo strumento potrebbe essere un prezioso alleato nella lotta contro le malattie cardiovascolari, consentendo alle persone di valutare il proprio rischio e prendere decisioni informate sulla propria salute.

Alcune considerazioni sulla ricerca

Sebbene questo approccio promettente possa rappresentare un importante passo avanti nella prevenzione degli attacchi cardiaci, è importante considerare come integrarlo nella pratica clinica. Gli esami del sangue potrebbero diventare parte integrante delle visite di routine, consentendo ai medici di identificare precocemente le persone a rischio e di pianificare interventi preventivi mirati.