WiFi gratuito, come proteggere privacy dal furto d’identità

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Agosto 2015 6:00 | Ultimo aggiornamento: 28 Agosto 2015 21:00
WiFi gratuito, come proteggere privacy dal furto d'identità

(Foto d’archivio)

ROMA – Wifi gratuito: una buona opportunità o un fattore di rischio? Sicuramente accedere ad internet senza pagare nei luoghi pubblici è qualcosa di utile e conveniente. Ma bisogna saper farlo correttamente, in modo da proteggere i propri account e da non correre rischi per quanto riguarda la propria privacy e sicurezza sul web.

Il sito di Norton, l’azienda che produce software antivirus, elenca alcuni accorgimenti utili per connettersi attraverso il wifi pubblico in tutta sicurezza, proteggendosi dal pericolo di furto d’identità.

“Utilizza il protocollo “https” laddove possibile:
per prima cosa, è importante rendersi conto che la media dei WiFi pubblici gratuiti non è sicura. Il semplice fatto che venga richiesta una password per accedere non significa che il segnale sia crittografato. Chiunque con modeste capacità di hacking può intercettare facilmente il tuo segnale su reti non sicure e rilevare le tue password. Con l’ausilio degli strumenti appropriati, questo può rivelarsi facile come ascoltare la stessa stazione radio su due dispositivi diversi. (Le trasmissioni WiFi si avvalgono di segnali radio.)

Precauzioni da adottare:
per evitare di divulgare inavvertitamente le tue password, accedi solo a siti che utilizzano il protocollo “https” sicuro nell’indirizzo URL invece del consueto “http”. (Questo prefisso si trova all’inizio della barra degli indirizzi nel tuo browser). Molti siti non offrono questo accesso SSL, e quindi non sono completamente sicuri. Per maggiore sicurezza, valuta di attendere fino a quando non sei a casa con un accesso sicuro per effettuare qualsiasi operazione di online banking o accedere ad altri account che richiedono una password.

Utilizza una VPN (Virtual Private Network):
questo tipo di connessione crea una rete privata per scambiare le tue informazioni. Puoi considerarla come una linea telefonica sicura che isola la tua conversazione evitando che chiunque nei dintorni possa ascoltarti.

Precauzioni da adottare:
per tutti coloro che utilizzano portatili forniti dall’azienda è probabile che nel sistema sia già installata una VPN. Segui le istruzioni fornite dal tuo reparto IT. In caso di dubbi, chiedi. Per i dispositivi personali è possibile installare software VPN. Ulteriore suggerimento: nella scelta del vendor di sicurezza più adatto alle tue esigenze rivolgiti a un nome affidabile nel campo della sicurezza.

Fai attenzione al “shoulder surfing”:
gironzolando in aeroporti e locali pubblici è facile notare un gran numero di persone con portatili aperti che leggono e scrivono alacremente. L’accesso ai loro schermi è assolutamente libero, indipendentemente dalla riservatezza delle loro informazioni. Una connessione sicura non ha molto senso se qualcuno è in grado di guardare quali siti visiti e trascrivere tutti i tuoi accessi.

Precauzioni da adottare:
anche in questo caso, la soluzione migliore è attendere di essere nella privacy di casa con un segnale sicuro per visitare qualsiasi sito contenente informazioni che preferisci tenere riservate. Se non puoi aspettare, segui le indicazioni fornite in precedenza e scegli una posizione in cui lo schermo non sia visibile a chi ti sta intorno. Puoi inoltre valutare l’adozione di uno schermo protettivo per laptop se ti connetti spesso in treno, autobus o aereo”.