“La Luna affondò il Titanic”: vicina alla Terra, causò la marea perfetta

Pubblicato il 7 Marzo 2012 18:31 | Ultimo aggiornamento: 7 Marzo 2012 18:31

Luna piena

ROMA – La Luna potrebbe aver causato il tragico affondamento del Titanic. Un team di astronomi della Texas State University sostiene la Luna piena abbia influito sulle condizioni del mare e sul movimento degli iceberg. Proprio l’impatto con un iceberg sulla rotta del transatlantico è stato alla base del naufragio del Titanic. A partire dal 4 gennaio 2012 infatti la Luna sarebbe entrata in perigeo, ovvero nel suo punto di massima vicinanza alla Terra, ad appena 356.375 chilometri, innescando quella che gli astronomi chiamano una “marea perfetta”, che fece apparire nel cielo un luna gigante.

Donald Olson, autore principale dello studio, ha detto a Sky & Telescope: “Attraverso una serie di tecniche molto simili a quelle dei detective, più che a quelle di uno scienziato”. Olson ed i suoi collaboratori hanno scoperto che Luna e Sole erano allineati, producendo così un effetto di attrazione gravitazionale molto forte sul mare e innescando la marea ‘sigiziale’, una marea che si ripete ogni due settimane in occasione di plenilunio e novilunio.

Insomma perigeo e allineamento sono due fattori che potrebbero aver profondamente influenzato le correnti marine e dunque anche il percorso degli iceberb, che dalla Groenlandia sono stati trasportati nel Nord dell’oceano Atlantico, proprio sulla rotta del Titanic. Invece in assenza della marea non prevista, gli iceberg si arenano nelle basse acque della penisola del Labrador, dove rimangono fino quasi allo scioglimento prima di ricominciare ad errare verso il sud dell’oceano. Quella di Olson però è destinata a rimanere al momento solo un’ipotesi, perché come lui stesso ha spiegato: “Nessuno può sapere dove si trovasse l’iceberg, ma quello che abbiamo ricostruito è uno scenario scientificamente plausibile”.