Calciomercato Roma, Gabriel Heinze avrà la maglia numero 5

Pubblicato il 23 Luglio 2011 12:23 | Ultimo aggiornamento: 23 Luglio 2011 12:23

Riscone di Brunico- Aerei pronti al decollo, altri sul punto di atterrare. Tra le nuvole, la nuova Roma ‘made in Usa’ prende quota. Nel ritiro di Riscone di Brunico, Luis Enrique non vede l’ora di poter allenare i nuovi acquisti Gabriel Heinze e Bojan Krkic, e attende con ansia la conclusione della trattativa con l’Ajax per Maarten Stekelenburg.    Il terzino argentino da stasera e’ con il gruppo, mentre l’ex Barcellona arriva in serata nella Capitale e domani, dopo le visite mediche, si mettera’ agli ordini dell’allenatore asturiano. Che potrebbe presto ritrovarsi anche col portiere titolare tanto richiesto prima della partenza per il ritiro: Stekelenburg ha infatti ammesso di non essere ”mai stato cosi’ vicino a un nuovo club” e adesso spera in una rapida conclusione della trattativa tra Ajax e Roma. ”Maarten e’ un grande portiere e noi gli diamo la possibilita’ di trasferirsi altrove – ha pero’ spiegato il ds dei ‘lancieri’, Danny Blind -, ma vogliamo il prezzo giusto, anche se il contratto scade a giugno 2012. E questo e’ piu’ di 5 milioni”.

Insomma, Sabatini dovra’ lavorare ancora ai fianchi l’Ajax per strappare il numero uno olandese. Ma intanto si gode l’ufficializzazione di Bojan Krkic, acquistato per 12 milioni di euro. Ma il Barcellona, alla fine della stagione 2012-13, avra’ l’obbligo di riscattare il calciatore versando nelle casse di Trigoria 13 milioni. Se la societa’ giallorossa vorra’ quindi contro-riscattarlo sara’ costretta a sborsare agli spagnoli altri 28 milioni, per un totale di 40. Cifre da top player che in ogni caso non preoccupano Bojan: ”Voglio continuare a dimostrare che cosa posso fare – ha dichiarato in una conferenza stampa al Camp Nou -. Gia’ da bambino volevo trionfare nel Barca, ma ora sono contento perche’ un’altra squadra me ne da’ l’occasione. Luis Enrique? Mi ha mostrato molto affetto, un grande apprezzamento e stima. Gli sono molto grato”. Non esattamente lo stesso trattamento di Guardiola: ”Tra lui e me le cose non erano molto chiare. Per lui contavo poco, ma va bene lo stesso. Come socio del club dico che Pep e’ il migliore allenatore che il Barcellona possa avere. Pero’ ci sono molte cose che sono successe su cui non sono d’accordo, e che mi hanno fatto male.

Saro’ sempre del Barca e sono molto triste di andare via. D’altro canto pero’ sono molto felice di andare alla Roma, che ha gia’ conquistato un pezzo del mio cuore”.    Stasera pero’ col naso all’insu’ in attesa di un aereo ci sara’ anche Francesco Totti che, invece di nuovi compagni, aspetta di poter parlare col direttore sportivo Walter Sabatini, in arrivo tra le montagne di Bolzano direttamente da Milano dopo aver lavorato sul mercato in uscita (Menez piace al nuovo Psg di Leonardo, che avrebbe messo sul piatto circa 8 milioni di euro). Da risolvere c’e’ infatti sempre la querelle a distanza tra il capitano giallorosso e il futuro direttore generale, Franco Baldini, che parlando di Totti nel corso di una intervista gli aveva consigliato ”di liberarsi della sua pigrizia e di chi usa il suo nome, anche a sua insaputa”. E a gettare acqua sul fuoco della polemica, in attesa del chiarimento tra i diretti interessanti, ha pensato Luis Enrique: ”Per quello che riguarda la questione tra Franco e Francesco lo dico solo una volta a chiare lettere: sono assolutamente certo che entrambi vogliono il meglio per la Roma, e a me interessa solo questo”.    Ai tifosi, invece, interessa sapere anche quando si potra’ brindare alla chiusura della trattativa per il passaggio di proprieta’ del pacchetto di maggioranza del club. Il management di UniCredit e Thomas DiBenedetto, ‘frontman’ della cordata americana, dopo alcune frizioni legate al rosso di bilancio della Roma, lunedi’ torneranno a sedersi al tavolo per ultimare i lavori e arrivare cosi’ al ‘closing’ previsto per il 29 luglio.

Gabriel Heinze (Foto Blitz quotidiano)