Spagna-Italia. Prandelli: “Fisicamente giù”, Paletta: “Già conosco l’inno”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 marzo 2014 0:24 | Ultimo aggiornamento: 6 marzo 2014 0:24
Spagna-Italia. Prandelli: "Fisicamente giù", Paletta: "Già conosco l'inno"  (LaPresse)

Spagna-Italia. Prandelli: “Fisicamente giù”, Paletta: “Già conosco l’inno” (LaPresse)

MADRID, SPAGNA – ”In questo momento abbiamo visto che che c’è una condizione fisica nei confronti loro non dico imbarazzante ma quasi. Dovremo lavorare molto perchè se vuoi giocare veloce devi recuperare anche intensità”.

Intervistato da RaiSport subito dopo la fine di Spagna-Italia, il ct azzurro Cesare Prandelli sottolinea come, nella sfida del Vicente Calderon, sia stata la condizione fisica a fare la differenza. ”Noi non avevamo la forza che avevano loro in questo momento, in questo momento non puoi dare un giudizio se sulla corsa arrivavano sempre prima – dice ancora Prandelli -. Ora devo valutare le cose anche se non ho tanto tempo di pensare. Certo il centrocampo che ci ha sempre dato garanzie rimane un punto di riferimento. Paletta la nota positiva? assolutamente sì, e gli dico bravo”.

Sempre dai microfoni di RaiSport, Prandelli ha detto una battuta anche sul caso che lo ha ‘opposto’ alla Juve, commentando le parole dette a Madrid dal dirigente bianconero Beppe Marotta. ”Dialogo costruttivo? sono contento che abbia chiuso il caso – ha detto il ct -. Io non avrei aperto alcun tipo di polemica, comunque lo ringrazio”.

”Sono contento per quello che ho fatto, e dei complimenti di Prandelli. Sono qui perchè il mio bisnonno è di Catanzaro, quindi ho il doppio passaporto”. Dai microfoni di RaiSport, l’italo-argentino Gabriel Paletta commenta il suo ottimo esordio in azzurro che gli è valso anche i complimenti del commissario tecnico. ”L’inno di Mameli lo conosco – aggiunge Paletta -, e l’ho cantato. I ragazzi della nazionale mi hanno accolto bene da subito”.