Video Messi, tunnel e pallonetto: numero in Bayer Leverkusen-Barcellona

Pubblicato il 15 Febbraio 2012 14:58 | Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio 2012 14:59

Lionel Messi (LaPresse)

LEVERKUSEN, GERMANIA (BAYARENA) – Anche quando non brilla come al solito, il Barcellona vince; in Europa la legge e’ ancora questa, cosi’ la squadra di Guardiola dimentica il brutto Ko in campionato contro l’Osasuna, che ha fatto salire a dieci punti lo svantaggio dal Real Madrid, e passeggia sul campo del Bayer Leverkusen conquistando gia’ dopo l’andata, a meno di clamorosi colpi di scena, l’accesso ai quarti di Champions.

Finisce 1-3 per i catalani, con una doppietta dell’ex udinese Alexis Sanchez e un gol del solito Messi, che a due minuti dal termine finalizza al meglio, precedendo il compagno Pedro, un cross di Dani Alves.

In precedenza, in chiusura di primo tempo (41′) era stato Messi a fare l’assist man, inventando un meraviglioso passaggio con l’esterno sinistro per Sanchez, che aveva messo in rete. Era stata quella l’unica conclusione degna di nota in tutto il primo tempo del Barcellona, sceso in campo privo di Xavi e Pique’.

Rispetto a Pamplona c’erano invece i ritorni di Busquets, Iniesta e Fabregas, ma l’uomo della provvidenza, un’autentica ‘aspirina’ per il Barca contro il Bayer, e’ stato Sanchez, oltre ad un capitan Puyol che nel primo tempo ha giganteggiato in difesa.

Lionel Messi (LaPresse)

Il Bayer Leverkusen cominciava molto piu’ animato la ripresa, e infatti al 7′ arrivava il pareggio di Kadlec, che riusciva a superare Sanchez prima della conclusione vincente. Ma proprio il cileno ristabiliva le distanze appena quattro minuti dopo, su passaggio di Fabregas.

L’entrata di Thiago Alcantara dava piu’ dinamismo al centrocampo del Barcellona, il Bayer si rendeva pericoloso in due circostanze con Castro e Kiessling, ma alla fine a segnare erano ancora i campioni d’Europa.

1-3, gol di Messi e qualificazione archiviata. La Champions e’ piu’ che mai nel mirino del Barcellona. Il video di YouTube con il numero pazzesco di Messi: tunnel e pallonetto.