Morto un uomo di 30 anni aveva una pallina da ping pong nel sedere, fulminato mentre si stava masturbando

Morto un uomo di 30 anni aveva una pallina da ping pong nel sedere, fulminato mentre si stava masturbando, le rivelazioni della autopsia, un caso da rivista medica

di Maria Vittoria Prest
Pubblicato il 21 Maggio 2023 - 17:54 OLTRE 6 MESI FA
Morto un uomo di 30 anni aveva una pallina da ping pong nel sedere, fulminato mentre si stava masturbando

Morto un uomo di 30 anni aveva una pallina da ping pong nel sedere, fulminato mentre si stava masturbando

Morto un uomo di 30 anni aveva una pallina da ping pong nel sedere ed è stato fulminato mentre si stava masturbando.

La vittima è un uomo di 30 anni, single della Repubblica Ceca, è morto fulminato mentre praticava autoerotismo.

I familiari con i quali conviveva, non riuscendo ad entrare nella camera dell’uomo chiusa a chiave dall’interno, preoccupati hanno chiamato i vigili del fuoco che lo hanno trovato morto.

L’uomo era riverso sul pavimento con indosso un costume da bagno femminile e il corpo avvolto strettamente con cinghie di plastica e in tessuto.

La polizia, nel corso della perquisizione, ha trovato un dispositivo di massaggio elettrico accanto al corpo della vittima e ancora attaccato alla presa. Il dispositivo presentava evidenti segni di usura che ne hanno determinato il cattivo funzionamento mentre era collegato alla presa della corrente.

A seguito dell’autopsia, il rapporto di morte dei medici descrive le circostanze insolite di come questa sia avvenuta con evidenti segni di bruciatura nelle parti intime e il rilevamento di un corpo estraneo nell’intestino. La morte dell’uomo è stata dichiarata “elettrocuzione accidentale per manipolazione autoerotica”.

I medici dell’ospedale universitario di Hradec Králové, nel nord della Repubblica Ceca, hanno pubblicato i dettagli del caso sulla rivista Legal Medicine dichiarando che l’oggetto era un cilindro rotondo sul quale era stata inserita una pallina da ping pong fissata con un involucro di plastica e che un altro oggetto, lungo circa 9 cm, era conficcato nel retto.

Queste pratiche sessuali, che comportano molti rischi, hanno determinato una congestione degli organi interni, un gonfiore ai polmoni e al cervello a causa del liquido intrappolato mentre il sangue è stato trovato intrappolato nelle camere cardiache.

Non solo. L’uso di oggetti da inserire nel corpo per ottenere un piacere sessuale può provocare un’emorragia intestinale e la perforazione dell’intestino.

In entrambi i casi possono rivelarsi letali.