Lignano Sabbiadoro: fermata una donna per l’omicidio dei due anziani

Pubblicato il 17 settembre 2012 8:12 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2012 9:36
Paolo Burgato e Rosetta Sostero

Paolo Burgato e Rosetta Sostero (Ansa)

LIGNANO SABBIADORO (UDINE)  – Una donna sudamenricana di 23 anni è stata fermata per l’omicidio dei due anziani coniugi a Lignano Sabbiadoro, in provincia di Udine. Paolo Burgato, 69 anni, e Rosetta Sostero, 65, sono stati torturati per ore e poi uccisi la notte tra il 18 ed il 19 agosto.

La donna risiede da tempo a Lignano, scrive l’Ansa, e sarebbe stata fermata fuori dal Friuli Venezia Giulia, mentre tentava di far perdere le proprie tracce. L’Ansa scrive che la giovane sudamericana fermata avrebbe lavorato come commessa in un negozio vicino a quello dei coniugi uccisi. A favorire la svolta nelle indagini sarebbero stati gli esiti degli esami sul dna effettuati dal Ris dei Carabinieri.

Subito dopo il duplice omicidio, infatti, erano stati effettuati tamponi per identificare il dna che avevano interessato numerose persone e anche esercizi commerciali di Lignano. Gli esami del dna sui reperti raccolti sul luogo del delitto avevano portato a individuare un uomo e una donna come autori del massacro.