Roma. “Via i sampietrini da centro e periferia”, Paolo Masini (Roma Capitale)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Luglio 2014 12:33 | Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2014 12:35
Roma, via i sampietrini da centro e periferia

Roma, via i sampietrini da centro e periferia

ROMA – Paolo Masini, assessore ai Lavori pubblici di Roma Capitale, calca le orme del sindaco Ignazio Marino: “I sampietrini creano problemi di sicurezza, di dissesto e manutenzione. L’idea è di lasciarli solo nelle aree pedonali, di parcheggio o dove restano elemento di decoro”.

Masini è tornato all’attacco dei sampietrini dopo aver fatto un giro sul giocattolino realizzato da Dynatest in collaborazione con il Dipartimento Ingegneria Civile Area Strade dell’università Roma Tre. Parliamo di un furgoncino in grado di realizzare una mappatura 3D del manto stradale con l’obbiettivo di rendere gli interventi di riasfaltatura efficienti risparmiando fino a tre volte nel lungo periodo.

Si chiama PMS, Pavement Management System e, come spiega lo stesso Masini su Facebook “è costituito da un insieme di procedure e strumenti aventi lo scopo di assistere chi deve prendere decisioni nell’individuare le strategie più opportune al fine di realizzare, monitorare e mantenere pavimentazioni idonee”.

Il PMS, come spiega Masini,

risponde ai tre quesiti fondamentali della programmazione, ovvero dove, come e quando intervenire su una pavimentazione, e consente di attuare un approccio orientato alla programmazione. Il sistema, già in uso negli aeroporti internazionali, negli Stati Uniti e in alcune città del Nord Europa, consente di realizzare un elenco di priorità di interventi sulla base di curve di previsione del degrado. Intervenendo nella fase iniziale del decadimento della pavimentazione, si possono ottimizzare i costi e risparmiare fino a 3 volte sul lungo periodo, a fronte di un investimento più alto nella fase iniziale.

Attraverso la nuova tecnologia PMS, i tecnici del Dipartimento Manutenzione disegneranno la curva di degrado atteso dei 60 km di strade interessate nella pavimentazione, elaborando un piano di interventi che sarà presentato ad ottobre.